News Wallet

BitBox e Archos Safe T Touch: i nuovi hardware wallet visti al Mobile World Congress

Nei giorni scorsi in fiera abbiamo avuto modo di toccare con mano diversi prodotti, fra cui il Sirin Labs Finney ed l’HTC Exodus, primi smartphone blockchain friendly con integrato un vero e proprio hardware wallet. Oltre agli smartphone, fra cui cito anche il Pundi X Phone, abbiamo avuto modo di visionare anche tanti altri prodotti, fra cui due hardware wallet per Bitcoin ed Ethereum.

Il primo, ovvero il BitBox, è prodotto dall’azienda Svizzera Shift CryptoSecurity ed è stato mostrato al pubblico proprio in occasione del Mobile World Congress. L’altro prodotto su cui abbiamo messo mano invece, è prodotto dall’azienda francese Archos, noto produttore di smartphone che ha finalmente reso disponibile all’acquisto il nuovo hardware wallet Archos Safe Touch ad un prezzo di 149 euro.

Vediamo insieme più nel dettaglio!

BitBox e Archos Safe T Touch: gli hardware wallet visti al Mobile World Congress

Il nuovo hardware wallet BitBox da usare con lo smartphone

Allo stand di Shift CryptoSecurity l’azienda ci ha mostrato il nuovo wallet BitBox, che potrà essere utilizzato direttamente dagli smartphone grazie all’integrazione con una porta USB Type-C sul dispositivo. Si tratta di un netto passo avanti rispetto alla vecchia versione, che poteva essere solamente utilizzata solo da computer.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Inoltre, l’azienda ha introdotto un’interessante display che, tramite alcune gesture, permette di interagire direttamente dal BitBox per le operazioni più delicate, quali la firma delle transazioni o l’uso di App per la Two Factor Autentication. Ovviamente verrà rilasciata anche l’omonima applicazione per smartphone, al momento ancora in fase di sviluppo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il dispositivo dovrebbe venir rilasciato nel corso dell’estate 2019, ad un prezzo compreso tra i 99 ed i 129 Euro. Ovviamente supporta le monete già supportate dall’attuale versione (Bitcoin, Ethereum, Litecoin, etc). Non solo, è probabile che nei prossimi mesi vengano aggiunte al supporto nuove monete. Come con il vecchio modello, permane la microSD per il backup delle chiavi private.

Bigbit

Archos Safe T Touch: l’evoluzione dell’hardware wallet

Annunciato lo scorso Settembre ma finalmente pronto alla commercializzazione, Archos ci ha mostrato il nuovo Archos Safe T Touch, un hardware wallet un po’ particolare che sarà a breve (Maggio 2019) acquistabile anche in Italia a 149 euro. Si tratta di un dispositivo un po’ insolito, visto l’enorme display da 4 pollici touch screen che lo rende molto simile ad un “piccolo” smartphone.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Proprio come su uno smartphone, troviamo anche un lettore di impronte e la connettività Bluetooth. Essa è necessaria per propagare le transazioni in rete tramite uno smartphone o PC con cui è stato effettuato il pairing.

E’ presente il supporto alle principali criptovalute, fra cui Bitcoin, Ethereum, Litecoin, i token ERC20 ed anche BNB, oltre a tante altre. L’hardware wallet integra anche Changelly e SpaceShift per l’acquisto e scambio di criptovalute direttamente dal wallet, oltre ai classici applicativi per il 2FA.

Si tratta dunque di un dispositivo piuttosto interessante quanto particolare. Cercheremo di provarlo il prima possibile!

Questi sono i crypto hardware wallet che abbiamo avuto modo di vedere durante il Mobile World Congress, due ottime soluzioni che si affiancano al nuovo Ledger nano X, annunciato durante un altro important evento, ovvero il CES di Las Vegas ad inizio anno.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi