News

Bitmain, il colosso del Mining, registra perdite per 500 milioni di dollari

“Il gigante del Mining”, Bitmain, ha perso circa 500 milioni di dollari nel solo terzo trimestre del 2018, dove ha prevalso un mercato ribassista generale per tutte le criptovalute, ma soprattutto per quanto riguarda Bitcoin (BTC).

La società con sede a Pechino ha recentemente fornito un aggiornamento sui risultati finanziari alla borsa di Hong Kong (HKEx), che sta riesaminando la domanda di Bitmain per la sua Initial Public Offering (IPO) presentata la prima volta nel mese di settembre.

Questi nuovi risultati hanno mostrato che Bitmain ha guadagnato circa 500 milioni nei primi nove mesi dello scorso anno, con un fatturato leggermente superiore ai 3 miliardi di dollari. Tuttavia, in precedenza, Bitmain ha rivelato di aver incassato profitti per 1 miliardo di dollari nella prima metà del 2018. Sottraendo a tale cifra un profitto di 500 milioni per i primi nove mesi, si ottiene una perdita netta di circa 500 milioni per il terzo trimestre.

La società aveva anche riportato 2,8 miliardi di ricavi per il primo semestre, quindi i 3 miliardi per i primi nove mesi sono molto meno di quanto ci si potesse aspettare.

(Bitmain deve solo fornire i dati di nove mesi, in questa fase, secondo le regole HKEx).

Questi sono i primi dati precisi a dimostrare la tendenza ribassista che ha colpito non solo il mercato delle criptovalute ma anche quello dei produttori di hardware dedicato al mining.

Bitmain ha rifiutato di commentare qualsiasi nota in questione, ricordando che la loro IPO è attualmente sospesa e in attesa di valutazione.

Tuttavia, aveva già fatto notare che questi erano tempi difficili, con licenziamenti e chiusure di uffici in tutto il mondo. Le sue attività principali risiedono nella produzione di attrezzature per il mining e pacchetti-soluzioni già pronte. Tutte attività che hanno risentito del crollo di Bitcoin (BTC) e delle altre criptovalute.

Bigbit

Il wallet di Bitmain

Inoltre, l’aggiornamento fornito a HKEx ha mostrato che le partecipazioni di Bitmain hanno perso valore passando da oltre 800 milioni di dollari al 30 giugno a meno di 700 milioni nella fine del terzo trimestre. Questo calo di oltre 100 milioni nell’arco di tre mesi riflette nuovamente il trend ribassista generale dei prezzi di mercato in quel periodo.

bitmain criptovalute bitcoin btc

La domanda di IPO della compagnia, presentata a fine settembre, indicava che Bitmain deteneva principalmente Bitcoin (BTC), Bitcoin Cash, Ethereum (ETH), Litecoin (LTC) e Dash.

Dal 30 settembre, tutte le criptovalute menzionate hanno perso oltre il 50% del loro valore, secondo i dati di CoinMarketCap. In particolare, Bitcoin Cash, il cui fork è avvenuto nel 2017 grazie anche al supporto di Bitmain, ha perso oltre il 70%.

Rimane da vedere cosa accadrà nei prossimi mesi, HKEx è riluttante dall’approvare le richieste dei produttori di attrezzature per il mining, dal momento che le incertezze sulla sostenibilità dei loro profitti sono ben marcate.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA]

Stefano Cavalli

Nato a Parma, classe '92. Laureato in Ingegneria Informatica Elettronica e delle Telecomunicazioni all'Università degli Studi di Parma. Appassionato da anni in tecnologia Blockchain, economia decentralizzata e criptovalute. Esperto in Web-Development & Software-Development.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi