Mining Monero News

Monero si prepara ad un fork d’emergenza contro gli ASIC. Avverrà il 9 Marzo!

Giusto alcuni giorni fa vi riportavamo del crescente hashrate della rete di Monero, ormai quasi certamente soggetta ad un uso massiccio di ASIC appartenenti a qualche azienda non definita. Vista la situazione ormai pericolosa – si stima che quasi l’85% dell’hashrate provenga da ASIC nelle mani di pochi, dunque con un concreto rischio di attacco del 51% – il team di Monero ha comunicato poche ore fa (QUI il post Reddit) che eseguirà un fork “d’emergenza” al blocco 1788000, dunque all’incirca il prossimo 9 Marzo 2019.

Si tratta di un fork – di preciso un hard fork – volto al solo cambiamento dell’algoritmo di Proof of Work (PoW) Cryptonight, che subirà alcune variazioni non ancora finalizzate per escludere dal mining gli ASIC attualmente in uso. Il prossimo fork di aggiornamento del protocollo Monero (XMR) sarebbe dovuto avvenire ad Aprile, vista la cadenza semestrale, ma la situazione ormai insostenibile per i miners leali ed i rischi per la rete hanno spinto gli sviluppatori ad indire un hard fork d’emergenza.

Come comunicato lo scorso anno infatti, i devs si erano già espressi favorevoli a continui cambi del PoW durante i fork di aggiornamento del protocollo della moneta, annunciando anche che in caso di necessità avrebbero eseguito fork di emergenza per escludere gli ASIC dal mining di Monero.

Monero (XMR) si prepara ad un fork d’emergenza per combattere gli ASIC!

Per ora non sono stati comunicati troppi dettagli sull’aggiornamento del PoW, se non che la nuova variante del CryptoNight (CNv4) è in fase di finalizzazione. Proprio per questo motivo il fork avverrà fra quattro settimane e non prima, dal momento che sono necessari test e verifiche finali prima del rilascio definitivo.

Il blocco al quale avverrà il fork è il numero 1788000. La data stimata è il 9 marzo 2019Ovviamente chi detiene un nodo di rete, un exchange, una pool etc, dovrà aggiornare il proprio client all’ultima release non appena verrà resa disponibile.

Con questo nuovo parziale cambio di PoW Monero dovrebbe tornare temporaneamente immune agli ASIC ed agli FPGA. Al momento non si sa chi a chi appartengono i dispositivi attivi sulla rete. Secondo le community, il principale indiziato potrebbe essere il produttore Baikal, anche se non si esclude lo zampino di Bitmain. Tuttavia, Bitmain al momento è alle prese con una situazione economica piuttosto difficile e, visto il costo di ri-progettazione di chip dedicati, potrebbe aver definitivamente lasciato perdere la produzione di macchine per il mining di Monero.

Vedremo se nei prossimi giorni avremo sorprese su questo fronte. Potrebbe anche accadere, come già successo lo scorso Aprile 2018, che a seguito del fork nascano nuove monete con l’attuale PoW. E’ un’ipotesi assai remota ma non da escludere, visto che la nascita di Monero Classic, Original e cloni vari avvenuta ad Aprile 2018 venne annunciata a sorpresa poche ore prima dell’hard fork. Vedremo!

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi