Mining News

In arrivo da Sapphire una Rx570 con 16GB di VRAM per il mining di Grin

Nella giornata di ieri il direttore del reparto marketing di Sapphire, noto produttore di schede grafiche con GPU AMD, ha annunciato l’arrivo di una scheda video dedicata al mining di Grin. La scheda in questione sarà basata sulla GPU Polaris con 2048 stream processors e 32 compute units, dunque avremo a che fare a tutti gli effetti con una Rx570. Il punto di forza però riguarda la quantità di memoria video installata: ben 16GB di VRAM GDDR5.

Inutile dire che cotanta VRAM è inutile nel gaming ed in tante altre attività. Persino nel mining di Ethereum, Monero ed altre monete un quantitativo del genere risulta essere spropositato. Tuttavia, come spiegato nell’articolo di Adrian Thompson , direttore del reparto marketing di Sapphire, la Rx570 da 16GB di VRAM sarà destinata al mining di Grin, una nuova privacy coin trascinata dal grande hype delle community di Miners e non solo, visto che è l’implementazione di una nuova ed interessante tecnologia: MimbleWimble.

Grin e MimbleWimble: cosa sono?

MimbleWimble è un blockchain protocol proposto nel 2016 da un esperto di crittografia soprannominato Tom Elvis Jedusor (“tu sai chi”, per gli appassionati di Harry Potter). Esso mira a realizzare una blockchain orientata alla privacy e fortemente scalabile, proponendosi come valida soluzione ad alcuni dei principali problemi delle attuali criptovalute.

Non solo MimbleWimble – che probabilmente verrà implementato in Bitcoin negli anni a venire – garantisce, oltre alla privacy ed alla scalabilità, anche la libertà di scelta e l’accesso democratico alle funzionalità della propria blockchain, garantendo al contempo una crescita sostenibile nel tempo. Inoltre, il protocollo riduce drasticamente le dimensioni della blockchain, rimuovendo la maggior parte delle informazioni sulle transazioni passate. Ciò significa che solo una frazione dei dati viene memorizzata rispetto ad altre criptovalute, mantenendo una certa sostenibilità.

Grin è la prima implementazione di MimbleWimble ed è assai interessante per i miners per le proprie polite legate al Proow of Work.

Il mining di grin

Grin implementa due meccanismi di PoW: uno destinato alle GPU ed uno agli ASIC, così da offrire il giusto reward nel mining in base all’hardware utilizzato.

Il primo PoW (Cuckaroo) è ASIC resistant, dunque idoneo al mining con le GPU. Il secondo PoW invece, ovvero Cuckatoo, è ASIC Friendly.

La bella notizia per i GPU miners è che, almeno inizialmente, il 90% delle ricompense sarà destinato all’algoritmo Cuckaroo. In questo modo, si mira a rallentare l’uso degli ASIC ed a favorire le GPU. L’algoritmo AR Cuckaroo subisce un fork ogni sei mesi, così da rimare ASIC Resistant (un po’ come fa Monero). Tuttavia, le ricompense di Cuckaroo diminuiranno ogni mese del 3,75%, fino a quando non vi sarà più alcun ritorno economico dopo due anni di mining. A quel punto, tutto il PoW sarà relegato agli ASIC.

Anche se alla fine sarà impossibile continuare a minare con le GPU, nei primi 12-18 mesi i miners avranno fra le mani una grande opportunità, complici gli alti compensi previsti nella fase iniziale.

Gli algoritmi di Grin richiedono un elevato quantitativo di memoria per funzionare. Nel dettaglio, la variante Cuckaroo, compatibile con le GPU, sfrutterà più di 5,5GB di memoria videoL’algoritmo Cuckatoo ASIC-friendly invece, richiede almeno 11GB di memoria. La memoria extra migliorerà ulteriormente le prestazioni di Cuckaroo e Cuckatoo.

La Rx570 con 16GB di VRAM di Sapphire

Come forse avrete già intuito, l’idea di Sapphire è quella di creare una scheda video con buone prestazioni utilizzabile su entrambi i PoW, dunque anche sulla variante destinata agli ASIC. Non solo, dal momento che il PoW GPU friendly e ghiotto di VRAM, si stima che col tempo la memoria richiesta possa superare facilmente la soglia degli 8GB, presenti su quasi tutte le schede video di fascia medio-alta.

La possibilità di minare su entrambi i PoW può sembrare stupida, ma, dal momento che, almeno nei primi mesi, non vi saranno ASIC ad hoc per il mining di Grin, sfruttare le GPU con più di 11GB di VRAM su Cuckatoo dovrebbe comportare guadagni migliori rispetto al mining sul PoW ASIC Resistant.

Attualmente però vi sono poche schede video con quantitativi di VRAM così elevati (Radeon Vega 7, le Quadro, le Firepro e le Titan), aventi inoltre prezzi salatissimi. Proprio per questo motivo Sapphire ha deciso di creare una soluzione di fascia media in grado di offrire questa possibilità ai miners, raddoppiando la memoria installata su una classica Rx570, installando dunque ben 16GB di VRAM GDDR5.

Al momento non è stato dichiarato il prezzo e l’effettiva disponibilità. Sappiamo solamente che costerà meno di un terzo delle attuali soluzioni professionali entry-level con 16GB di VRAM. Le schede più economiche (escludiamo per ora la Vega 7) con 16GB di VRAM sono la FirePro Wx9100 e la Nvidia P5000, prezzate fra i 1200 ed i 1500 euro. La Rx570 16GB dunque, potrebbe costare attorno i 350-400 Euro, se non meno.

Sarà una scheda inutile o effettivamente Sapphire sta facendo una mossa intelligente? Vedremo!

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA | VIA]

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts