News Stable Coin

StableCoinsWar: strumento per controllare le principali Stable Coin

Oggi vi parliamo di Stable Coin. No, non è stata annunciata l’ennesima moneta “peggata” – dal termine inglese peg – al Dollaro, all’Euro o a qualche minerale raro. Bensì vedremo velocemente uno strumento utile per monitorare le principali Stable Coin. Stiamo parlando di StableCoinsWar, un utility online che vi permetterà di tener facilmente sott’occhio le statistiche delle Stable Coin, senza così doverle cercare su MarketCap.

Di per sé non è nulla di innovativo dunque, semplicemente si tratta di una versione di CoinMarketCap destinata esclusivamente alle Stable Coin. Visto però che le Stable Coin sono un po’ la moda di questa seconda parte del 2018 e molto probabilmente dell’anno che sta per arrivare, meglio iniziare ad esplorare tutte le utility e strumenti per tenere sotto osservazioni queste particolari criptovalute, aventi un valore fissato ad un certo bene (valuta FIAT, Oro, etc), detenuto da uno o più enti come riserva.

StableCoinsWar: strumento per controllare le principali Stable Coin

StableCoinsWar è facilmente raggiungibile dall’omonimo sito web (CLICCA QUI) e permette di controllare, oltre al valore delle monete (anche se tecnicamente dovrebbe rimanere fisso), anche i volumi di scambio nelle ultime 24 ore, espressi anche in percentuali rispetto alle concorrenti. Potrete anche monitorare la Supply totale delle monete circolanti, seguita dalla percentuale di capitalizzazione di mercato di ciascuna moneta rispetto alle avversarie.

Viene anche riportato la Velocity of Money, ovvero il tasso al quale il denaro viene scambiato da una transazione all’altra.

StableCoinsWar

Bigbit

Al momento la lista presenta solo le principali Stable Coin ancorate al Dollaro, dunque Tether, Gemini, USDC, TrueUSD ed altre secondarie. Mancano dunque tutte quelle monete ancorate ad altre valute FIAT (Euro, YEN e Dollaro Australiano), oltre a quelle aventi come bene di riserva minerali rari o altre criptovalute.

Chissà se un giorno verranno aggiunte anche queste tipologie di monete. Molto probabilmente qualcuno creerà una piattaforma simile solo destinata alle monete di questa tipologia. Vedremo.

StableCoinsWar: chi vincerà la guerra della Stable Coin?

Il nome del sito web non è a caso. Negli ultimi mesi infatti, come accennato prima, abbiamo assistito all’arrivo sul mercato di nuove Stable Coin, nonché al listing di USDC su Coinbase, porta d’accesso al mondo delle criptovalute per i neofiti.

Inoltre, entro la fine dell’anno e l’inizio del 2019 più di una dozzina di aziende dovrebbero annunciare il debutto delle proprie Stable Coin. Fra tutte queste monete però chi prevarrà sulle altre?

Al momento il campione indiscusso rimane Tether, con oltre 1.85 Miliardi di capitalizzazione. Cifra che da sola detiene il 75% della capitalizzazione delle Stable Coin peggate al Dollaro. Tuttavia la moneta USDT nel corso del 2018 è stata al centro di diverse controversie ed ha lentamente subito un corposo calo della capitalizzazione rispetto ai quasi 4 miliardi di inizio anno.

Al secondo posto del podio troviamo poi TrueUSD, con quasi 195 milioni di Dollari di capitalizzazione, seguita da USDC, con una valore di poco inferiore. Al momento la sfida vede ancora favorevole Tether, ma le concorrenti stanno crescendo velocemente. Come sarà la situazione fra sei mesi?

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi