News

Crypto Market in rosso: Ethereum, Ripple, EOS e Bitcoin Cash giù del 15%!

Nel tardo pomeriggio di oggi abbiamo assistito ad un rapido crollo delle quotazioni di quasi tutte le criptovalute. Nel dettaglio, a subire le perdite maggiore sono state le principali altcoin, con cali su Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, EOS e IOTA fino al 20%. Migliore invece la situazione per Bitcoin, che ha subito una flessione minore, prossima al 9.5%.

Difficile, come sempre, capire cosa possa aver innescato questo repentino crollo del crypto market, crollo che ha riportato il MarketCap sotto i 200 Miliardi di Dollari.

Crypto Market in rosso: colpa del Fork di BCH o dei futures CBOE?

Una delle cause papabili vedrebbe lo zampino dei trader affamati di Bitcoin Cash e dei relativi token figli del Chain Split, ovvero Bitcoin Cash ABC (BAB) e Bitcoin Cash SV (BSV). Non a caso le due fazioni sono ormai in lotta da giorni per l’hashrate della rete, un fattore determinante per la sopravvivenza delle catene dopo il fork.

Nella giornata di ieri Bitfinex, seguendo quanto fatto da altri exchange, ha avviato il pre-trading delle valute figlie del Chain Split: BAB e BSV. Come comunicatovi oggi in un nostro articolo, il prezzo di BSV è passato da circa 50 a 250 Dollari mentre ABC è sceso, passando dai 500 dollari iniziali ad un minimo di 200 Dollari.

Come ben saprete, i possessori di BCH otterranno le monete figlie del fork. Ciò quindi, dovrebbe comportare una crescita del valore della moneta, come accaduto negli ultimi giorni. Tuttavia, complice l’incertezza delle ultime ore sulla sopravvivenza del Chain Split con la conseguente sospensione dei futures su BAB e BSV sull’exchange OKEx, potrebbe aver fatto scappare i trader dal titolo Bitcoin Cash, che attualmente guida CoinMarketCap con la perdita maggiore, prossima al 20% ormai.

Crypto Market Rosso

Altre voci inoltre, riportano anche una possibile azione intrapresa da Bitmain, detentrice di quasi un milione di BCH, e che, in lotta contro la fazione di Wright, potrebbe aver effettuato un ingente Sell-Off di Bitcoin Cash, al fine di disturbare gli avversari, diminuendo i loro introiti. Inoltre, complice l’ingente quantità di Bitcoin Cash detenuta e la crescita nell’ultima settimana, Bitmain potrebbe aver approfittato della situazione per vendere una parte dei propri BCH, innescando il calo generale guidato da Bitcoin Cash.

In merito al Chain Split sapremo con certezza cosa accadrà nella giornata di domani, quando alle ore 16:40 di Londra avverrà il Fork.

Un’altra possibile causa, da sommare alle altre, potrebbe derivare dall’attuale round Futures di CBOE, con scadenza fissata proprio nella giornata di oggi. Dopo la data odierna infatti, non sarà più possibile chiudere o negoziare i futures di CBOE fino al prossimo round. Di conseguenza, come già accaduto in passato in concomitanza delle passate scadenze, si è avuto un incremento dei volumi di short con il conseguente calo del prezzo di Bitcoin, potenzialmente influenzato proprio dai futures di CBOE

MarketCap sotto i 190 miliardi di dollari

Con il crypto crash di oggi, il mercato delle criptovalute è sceso sotto i 190 miliardi di Dollari di capitalizzazione. Si tratta di un valore che non veniva toccato dall’inizio dello scorso Ottobre.

Difficile prevedere cosa accadrà nelle prossime ore. Nelle scorse settimane infatti, molti trader analizzando la media mobile di Bitcoin sui 200 giorni (DMA) si aspettavano una ripartenza della fase Bullish di BTC, ma con quanto accaduto nelle ultime ore si son dovuti completamente ricredere. 

Quale sarà il prossimo passo per il mondo crypto dunque?

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi