News Ripple

Ripple continua la sua espansione: arriva in Cina con AmEx e LianLian Group

Ripple è riuscita a conquistare il target prioritario che si era prefissata, la Cina, attraverso l’approvazione della joint venture di American Express, per effettuare pagamenti nel paese.

La Cina ha approvato l’operazione di AmEx, rendendola la prima azienda americana ad avere accesso diretto al mercato dell’e-commerce in Cina. Questa notizia consente ad AmEx di risolvere i problemi legati ai pagamenti e alle transazioni in Yuan. La liquidazione dei pagamenti può essere effettuata tramite la joint venture LianLian Group, che è cliente di Ripple.

AmEx, una piattaforma di pagamento globale proprio come MasterCard, aveva precedentemente mostrato interesse per il mercato cinese, certamente uno tra i più grandi al mondo. Questo è stato il motivo principale della join venture con LianLian Group e, di conseguenza, questo accordo ha permesso ad AmEx di diventare la prima impresa che tratta l’elaborazione dei pagamenti ad operare al di fuori della rete UnionPay controllata dallo stato.

Quest’ultima, ora partner con RippleNet, fornisce servizi di pagamento globali rapidi e senza interruzioni al mercato dell’e-commerce cinese. Può elaborare e regolare i pagamenti direttamente in Yuan Renminbi (CYN), la valuta corrente della Repubblica della Cina.

L’impresa che si chiama Express (Hangzhou) Technology Service Co. è attualmente sotto revisione da parte dal governo cinese affinché riesca a preparare tutte le carte e a completare l’operazione entro un anno.

ripple amex lianlian xcurrent cina3

American Express e LianLian Group erano già membri di RippleNet. AmEx si è unita alla fine dello scorso anno, con l’obiettivo di rendere un servizio migliore alle piccole e medie imprese nell’elaborazione dei pagamenti. LianLianPay che ha aderito alla piattaforma all’inizio di quest’anno ha già oltre 150 milioni di clienti registrati.

Sfrutterà la blockchain di Ripple, per effettuare le transazioni e-commerce in Cina, e xCurrent  per quanto riguarda i pagamenti transfrontalieri. Ripple stava già spingendo per cercare di entrare nel mercato cinese. Finalmente sembra che il governo abbia aderito alle iniziative della società fintech.

Secondo il rapporto di btcnews, un funzionario di Ripple ha dichiarato che la società ha nutrito questa idea e pensa che ci saranno risvolti nel mercato cinese prima della fine di quest’anno.

Da un rapporto di btcnews.com, all’inizio del 2018, Ripple ha detto che avrebbe sicuramente lanciato i suoi strumenti finanziari decentralizzati nel mercato cinese per risolvere le questioni relative ai pagamenti transfrontalieri:

Quest’anno vedrete diverse notizie provenienti dalla Cina, il tutto volto a differenziarci dalle altre criptovalute presenti sul mercato.

Il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, aveva detto l’anno scorso che “era in cantiere un lancio dei servizi dedicati al mercato della Cina”, ovviamente c’è stato un ritardo dovuto alle stringerti regole della Cina che ruotano attorno alla blockchain e alle risorse digitali.

Bigbit

Ma il governo ha da poco revocato il divieto dell’utilizzo delle criptovalute. Ora questo risorse digitali sono legalizzate e possono essere sfruttate come metodo di pagamento. Indipendentemente dalle rigide normative cinesi contro le ICO e le criptovalute, American Express ha sfidato tutto ciò entrando nell’e-commerce di questo mercato, cresciuto fino a 627 miliardi di dollari in più rispetto allo scorso anno.

ripple amex lianlian xcurrent cina2

Una stima dei pagamenti transfrontalieri nel paese è destinata a 1,32 trilioni di dollari per la fine del 2018. Il governo cinese sembra essere interessato all’uso della tecnologia Blockchain e DLT, che Ripple usa nei suoi prodotti xCurrent e xVia. La banca centrale cinese vede questa mossa come un’ottima maniera per portare nuovi investitori stranieri mediante lo spostamento di grossi capitali all’interno della Cina.

AmEx e LianLian stanno lavorando insieme a Ripple, le loro operazioni possono avvalersi di xCurrent. Ciò potrà sicuramente, in futuro, portare ad una connessione con xRapid di Ripple.

Craig DeWitt ha dichiarato che l’incorporazione del “multi-hop” sarà un grande vantaggio:

Multi-hop offre ai membri di Ripple la possibilità di effettuare transazioni con banche o fornitori di pagamenti con cui non hanno una relazione diretta. Questo è molto importante, perché al giorno d’oggi si ha bisogno di tante relazioni bilaterali al fine di spostare denaro, soprattutto se si ha a che fare con le banche.

Sulla base della collaborazione attuale, si prevede che la joint venture AmEx e LianLian presto stipulerà un accordo con il multi-hop di Ripple per rafforzare la rete.

Il Vicepresidente senior di Ripple ha dichiarato che la portata della rete è aumentata con il numero di utenti che hanno aderito a xCurrent:

xVia consente di utilizzare una connessione standard per ottenere tutti i vantaggi di RippleNet e dei nostri prodotti. Senza xRapid userebbero ovviamente xCurrent ma, dove xRapid è disponibile, lo possono sfruttare per spostare denaro utilizzando XRP per un pagamento immediato.

Ripple è da sempre ottimista nella sua “crociata” che ha come obiettivo una soluzione ai problemi di pagamento transfrontalieri. Questo è quello che spera di ottenere lanciando i suoi strumenti finanziari decentralizzati che potranno rendere migliore l’elaborazione di questi pagamenti in tutto il mondo.

ripple amex lianlian xcurrent cina5

Dopo aver esteso il suo servizio in Giappone nel 2016, attraverso una joint venture con SBI, il suo scopo attuale è quello di portare gli stessi servizi in Corea e in altri paese dell’Asia e del Pacifico.

L’anno scorso, Ripple ha aperto un ufficio a Mumbai volto a fornire i servizi di pagamento anche all’India. Si stima che l’economia digitale indiana raggiunga 1 trilione di dollari entro il 2024. Finché un concorrente reale non entrerà in scena, o i governi non impediranno questo tipo di trattative, Ripple avrà la strada spianata.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA]

Stefano Cavalli

Nato a Parma, classe '92. Laureato in Ingegneria Informatica Elettronica e delle Telecomunicazioni all'Università degli Studi di Parma. Appassionato da anni in tecnologia Blockchain, economia decentralizzata e criptovalute. Esperto in Web-Development & Software-Development.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi