Ethereum News

Ethereum 2.0: Beacon Chain attesa al debutto nel Marzo 2019

Stando agli ultimi dettagli emersi in una recente Hackathon tenutasi a Praga, dove nei prossimi giorni andrà in scena il DevCon, il debutto di Ethereum 2.0, di cui abbiamo già visto QUI la RoadMap, potrebbe avvenire già a Marzo 2019, con il rilascio della Proof of Concept della Beacon Chain.

Un rappresentante di Sigma Prime, al lavoro su un client per il futuro Ethereum 2.0 chiamato Lighthouse, ha affermato che la timeline del debutto è difficile da stimare, ma è piuttosto realistico attendersi le prime implementazioni nel corso della primavera, tra Marzo ed Aprile. Periodo che è stato confermato anche da uno sviluppatore del team di Status, al lavoro su un altro Client e che ritiene possibile il deploy della Beacon Chain nel corso del mese di Marzo 2019.

Ethereum 2.0: Beacon Chain al debutto nel Marzo 2019

Per chi non lo sapesse, la Beacon Chain (PoS) avrà un ruolo chiavo nel futuro di Ethereum in quanto agirà da coordinatore per molte altre funzionalità. Regolamenterà infatti quali Shards convalidare e gestirà gli Stakers. Avrà dunque un ruolo chiave per l’implementazione dello Sharding e del Proof of Stake.

Proprio in merito allo Sharding, il rappresentate ha affermato che gli sviluppatori stanno lavorando sodo sia alla Beacon Chain che alla gestione degli Shards. Tuttavia, la tempistica per lo Shariding è assai più lunga, anche se con la Beacon Chain a partire da marzo gli sviluppatori potranno iniziare a studiarne il comportamento nei test reali. I nuovi client infatti, potranno comunicare fra di loro, anche se devono ancor venir definiti alcuni dettagli delle specifiche del sistema.

Danny Ryan ha affermato che la Beacon Chain verrà realizzata gradualmente. Vitalik ha poi aggiunto che inizialmente verrà creata la struttura della Beacon Chain, poi la creazione di catene di shards e successivamente verrà resa possibile la comunicazione cross shards fra le varie catene, oltre alle execution.

Il tutto sarà implementato in più fasi. Infatti, la comunicazione cross shards non sarà necessaria fino al lancio dell’execution.

L’attesa per l’eWASM

Per quanto riguarda il debutto dell’eWASM, l’aggiornamento dell’attuale EVM (Ethereum Virtual Machine), al momento non vi sono date precise. Dovrebbero però emergere ulteriori novità al DevCon.

eWASM sarà il nuovo motore di Ethereum 2.0 ed è ormai in sviluppo da diversi mesi. L’implementazione di eWASM introdurrà il linguaggio di programmazione WebAssembly. Questo cambiamento di linguaggio di programmazione permetterà all’esecuzione degli script di avere una velocità “near-native”, migliorando le prestazioni.

Ovviamente rimarrà la compatibilità con l’attuale EVM e Solidity. Gli utenti infatti, potranno scegliere se usare eWASM o EVM, oppure se rimare inizialmente sul PoW o sulla catena di Beacon PoS e così via. Stesso discorso delle DApps. La transizione da una macchina virtuale all’altra potrebbe essere solo una questione di ricompilazione delle DApps, dunque. Vedremo.

Per il momento è tutto, in attesa del DevCon di Praga dei prossimi giorni.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA]

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts