News

Tether ritira 500 milioni di token USDT dal mercato

Nella giornata di ieri Tether ha revocato dalla circolazione ben 500 milioni di token USDT. Come comunicato sul sito ufficiale, tali token USDT sono stato depositati sul wallet dell’azienda e verranno distrutti. Nel dettaglio, sono stati inviati ad un indirizzo destinato alla dismissione, come visibile dall’Omni Explorer.

Di conseguenza, la supply di Tether subirà un calo di ben 500 milioni di token. Ciò significa che ben 500 milioni di dollari detenuti sotto forma di USDT sono stati letteralmente prelevati dal mercato per essere “restituiti” agli acquirenti iniziali.

USDT tether

Tether ritira 500 milioni di token USDT dal mercato

Stando alla comunicazione pubblicata sul sito ufficiale, oltre a questi 500 milioni ormai prossimi alla distruzione, vi sono altri 467 milioni di USDT archiviati nel wallet dell’azienda. Il motivo è probabilmente da imputare alle recenti vicende che hanno coinvolto Tether nelle ultime settimane ed hanno visto alcuni investitori dirigersi su altre stable coin. Non a caso, la capitalizzazione di Tether nelle ultime giornate ha subito un importante calo di oltre 800 milioni di Dollari.

Bigbit

I restanti fondi presenti nel wallet dell’azienda alle spalle di Tether verranno mantenuti congelati per future immissioni nel mercato in caso di effettiva necessità. Rimarranno dunque on-chain ma non circolanti.

Cresce l’interesse per le Stable Coins

Come ben saprete, le Stable Coins sono criptovalute il cui valore è associato ad una valuta FIAT o bene materiale. Esse fungono spesso da ponte tra le criptovalute e i mercati tradizionali. Forse, per questo motivo, la loro popolarità nel mondo del trading e delle criptovalute è in costante aumento.

Da diversi mesi ormai sentiamo parlare su tutti i fronti di Stable Coins. Tether ad oggi è sicuramente la più famosa e diffusa, vista la capitalizzazione ed adozione negli exchange. Tuttavia abbiamo visto nelle ultime 48 ore un’importante mossa da parte di Coinbase, che ha listato USDC sul proprio exchange. Nelle ultime settimane abbiamo poi assistito al debutto di numerose stable coin, oltre ad una crescente adozione delle nuove monete sulle principali piattaforme. Alcune di esse sono ancorare a valute FIAT, quali Dollari, Euro, Yen ed a breve anche il Dollaro Australiano. Altre invece sono vincolate a beni materiali, come l’oro ad esempio.

Quale sarà il prossimo passo? Vedremo!

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA]

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi