Ethereum News

L’exchange “decentralizzato” IDEX bloccherà gli IP di New York. Com’è possibile?

Più volte vi abbiamo parlato degli exchange decentralizzati, definiti da molti come il futuro degli scambi di criptovalute, dal momento che offrono una serie di innumerevoli vantaggi. Primo, negli exchange decentralizzati, abbreviati con DEX, ogni utente detiene il controllo dei propri fondi. In secondo luogo, non vi è un’autorità centrale. Terzo, è praticamente impossibile rubare i fondi, dal momento che tutto viene eseguito on-chain e gli utenti accedono ai mercati con il proprio wallet.

Uno degli exchange decentralizzati più famosi, specie in riferimento al mercato dei token ERC20, è sicuramente IDEX, di cui vi abbiamo parlato nella nostra guida completa. Ebbene, nella giornata di ieri, il team di Aurora, creatore di IDEX, ha comunicato che a partire da oggi, giovedì 25 Ottobre, gli utenti Newyorkesi non potranno più eseguire ordini sulla piattaforma. Rimangono attivi i prelievi invece.

Si tratta di una notizia che ha destato un po’ di scalpore, non tanto per i poveri utenti Newyorkesi, dato che tale vincolo può essere facilmente aggirato con una VPN, ma sull’effettiva decentralizzazione dell’exchange.

Cerchiamo dunque di capire com’è strutturato IDEX e perché è possibile attuare tale blocco.

L’exchange “decentralizzato” IDEX bloccherà gli IP Newyorkesi. Com’è possibile?

IDEX è una piattaforma di trading parzialmente decentralizzata basata sul protocollo di Ethereum. E’ nata nel Settembre 2017 e consente di effettuare scambi fra Ethereum ed oltre 300 token ERC20. Così come altri exchange decentralizzati, anche IDEX utilizza gli Smart Contract per consentire ai propri utenti di gestire le proprie chiavi e di fare trading in un ambiente sicuro, dunque senza un sistema centrale che gestisca i fondi degli utenti.

Bigbit

Proprio per questo motivo, su IDEX è necessario accedere direttamente tramite il proprio wallet Ethereum. E’ possibile sfruttare anche le integrazioni con il Ledger Nano S e Metamask.

Tuttavia, per offrire prestazioni migliori, il motore che si occupa di gestire gli ordini è in realtà “centralizzato” ed off-chain. In questo modo, gli utenti possono fare trading senza dover attendere che le singole transazioni vengano confermate sulla blockchain di Ethereum. Così facendo è possibile minimizzare anche le spese per le fee.

Separando il trade matching dall’esecuzione, IDEX fornisce la velocità e l’esperienza utente degli exchange centralizzati combinata con la sicurezza e la verificabilità di una soluzione DEX.

spiega l’azienda.

IDEX è una soluzione ibrida, come l’exchange di Eidoo

Dal momento che vi è una combinazione di sistemi decentralizzati e centralizzati, IDEX rientra nelle soluzioni ibride, come ad esempio l’exchange proprietario di Eidoo. Potete approfondire il funzionamento della piattaforma ibrida di Eidoo nel nostro articolo dedicato: QUI.

In generale, anche se vi sono diversi approcci, le soluzioni ibride prevedono la gestione dei fondi degli utenti sfruttando la blockchain e le relative chiavi private degli utenti. In questo modo è possibile mantenere la massima sicurezza. Mentre la gestione degli ordini è affidata ad un ente centrale, che permette di velocizzare significativamente le operazioni e di ridurre al minimo i costi.

Essendo il matching engine di IDEX centralizzato, risulta dunque piuttosto semplice impedire l’accesso al sistema da parte di alcuni utenti specifici o ad una particolare classe di IP, proprio come nel caso riportato in apertura.

Per i Newyorkesi non resta dunque che sfruttare una VPN o utilizzare altre piattaforme realmente decentralizzate.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi