Mining Monero News

Fork Monero avvenuto: fee abbattute, hashrate calato e qualche problema per i miners

Come vi avevamo anticipato lo scorso mercoledì, ieri pomeriggio è avvenuto con successo il fork di aggiornamento del protocollo Monero, volto ad introdurre le BulletProofs con la conseguente drastica riduzione delle fee, ad innalzare la RingSize ad 11 per tutti ed a cambiare PoW. Trovate tutti i dettagli sul fork di ieri nel nostro approfondimento dedicato.

Vediamo invece come si è comportata la rete ed i riscontri dei miners.

Fork Monero avvenuto: hashrate calato e qualche problema per i miners

Proprio il cambio di PoW si è rivelato un passo chiave dell’update per i miners. Esso infatti, ha comportato un repentino calo dell’hashrate nella fase iniziale, complici i miners non aggiornati al CryptonightV8 ed alcuni problemi riscontrati con i driver AMD sulle schede video Rx Vega. Infatti, utilizzando i driver blockchain edition, molti utenti hanno registrato un crollo dell’hahsrate sulle loro schede video Vega, calate drasticamente a poco più di 1100-1200 H/s.

Per il corretto funzionamento dunque, è necessario utilizzare gli ultimi driver Adrenaline di AMD, ovvero i 18.6.1, come suggerito su Reddit. Inoltre, viene consigliato di usare il miner SRB, aggiornato all’ultima release.

Bigbit

Con il CryptonightV8 potrebbe essere necessario rivedere anche i paramenti di funzionamento delle varie schede. Dai primi test e segnalazioni, è stato riscontrato un leggero calo prestazionale sulle schede video. Parlando sempre delle Rx Vega, è stato registrato un calo dell’hashrate medio di circa 100 H/s, con consumi lievemente aumentati. Tale calo è stato segnalato anche su altre schede video, su alcune in maniera più marcata, altre più lieve, a seconda del modello e dei parametri impostati.

Immutate invece, le prestazioni delle CPU, che a quanto pare non hanno registrato grosse variazioni in termini di resa e consumi.

La situazione attuale

Dopo il Fork, sulla mining pool SupportXMR si è passati dai 107 MH/s di ieri pomeriggio agli attuali 63 MH/s, con un crollo iniziale dell’hashrate che è sceso drasticamente sino a 36 MH/s. Situazione simile anche sulle altre pool di mining, dove però pian piano la situazione si sta riprendendo.

L’hashrate della rete è passato dai 520-530 MH/s agli attuali 370-380 Mh/s. Probabilmente però, nelle prossime ore o giorni risalirà ulteriormente. Al momento infatti, vi sono ancora diversi Rig Offline e pare che NiceHash non si sia ancora aggiornata al CryptonightV8.

Il calo dell’hashrate rimane comunque significativo. Infatti, con il nuovo PoW gli FPGA dovrebbero essere stati esclusi dal mining di Monero. Naturalmente, vista la natura riprogrammabile degli FPGA, potrebbe essere un’esclusione momentanea. In ogni caso, con il CryptoNightV8 le prestazione di hardware specializzato di questo tipo dovrebbero calare drasticamente.

Non ci resta che tener sott’occhio la situazione nei prossimi giorni per valutare il calo della difficoltà (già in corso) e su che valori si assesterà l’hashrate della rete.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi