Exchange News

StellarX: il nuovo exchange decentralizzato privo di costi e tasse

StellarX, è il primo exchange decentralizzato con zero-fee. L’exchange, lanciato da poche ore dopo un periodo di beta, è stato progettato da Interstellar. Il team di sviluppo ha annunciato che sono in grado di garantire l’assenza di tasse perchè basati sulla blockchain di Stellar.

Questo, si legge nell’annuncio, è un vantaggio fondamentale rispetto agli exchange che si appoggiano ad Ethereum, come IDEX o EtherDelta (le cui transazioni avvengono grazie al PoW e quindi col GAS). Il consensus di Stellar non richiede nè lavoro (work) nè stake per garantire le transazioni.

StellarX, condizioni uniche

stellarx stellar

Gli exchange decentralizzati sono il futuro. Non lo dico io ma il co-fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, il quale spera che “gli exchange centralizzati brucino all’inferno il più velocemente possibile“. L’odio per gli exchange centralizzati è dovuto alla lunga lista di attacchi hacker (e conseguente furto di capitali) avvenuti negli anni. Attenzione: anche gli exchange decentralizzati sono attaccabili, non sto dicendo che garantiscano la sicurezza assoluta.

Cos’ha di speciale StellarX? Le uniche tasse che vi vengono (giustamente direi) richieste sono per i depositi, ad esempio dal vostro conto bancario. E’ il primo exchange al mondo che offre queste condizioni.

Gli ordini vengono eseguiti sul network di Stellar, ci sono minime tasse in Lumens (XLM), ma sono talmente basse che StellarX le rimborsa ad ogni utente alla fine di ogni mese. La piattaforma di fatto è una GUI per usare l’open marketplace di Stellar. L’interfaccia è ben fatta e semplice da usare.

È chiaro dall’annuncio che i fondatori ritengono che questa sia solo una tappa della tabella di marcia, poiché prevedono l’inclusione di obbligazioni, beni immobiliari, materie prime e altri titoli in un prossimo futuro per creare un vero e proprio marketplace. Verranno inoltre aggiunte una buona serie di stablecoins nei prossimi mesi. Le principali criptovalute, invece, sono già acquistabili (BTC, ETH, etc) e molte altre verranno aggiunte presto.

Christian Rudder ha posto l’attenzione sul nome, scelto non per caso. La X non vuol essere un’abbreviazione di “exchange” ma fa riferimento all’algebra dove può siginificare, con parole sue, “Anything. Anyone. Anywhere.” .

Tutto ciò che avviene su StellarX è on-chain, pertanto tutto il mondo può guardare e osservare. Di seguito vi riporto una lista delle principali “cose da fare” che gli sviluppatori intendono implementare nei mesi a venire:

  • Night mode
  • Sito mobile
  • Migliorie grafiche (token info, grafici, stats, etc)
  • Portfolio performance reporting & summaries
  • Supporto per multi-sig
  • Deposito e withdrawal in-app per tutti i token via SEP 0006

Per ulteriori dettagli vi lascio all’annuncio pubblicato sul blog di StellarX.

Svantaggi

Dalle mie parti c’è un detto che recita “Non puoi avere la botte piena e la moglie ubriaca“. Nel caso di StellarX ci sono dei compromessi. Tutti gli assets acquistabili, a parte quelli  basati su XLM, sono “tethered”. Questo significa che comprate tokens di terzi i quali vi garantiscono la controparte dell’asset che intendete acquistare.

L’exchange vi dice chiaramente quali assets sono tethered e quali no, la trasparenza è un ottimo punto di partenza. Se volete scambiare un asset tethered che avete acquistato dovrete farlo sul sito del provider e non su StellarX anche se in futuro è prevista l’integrazione di questa funzionalità che sarebbe una gran cosa.

In realtà questo è un problema facilmente aggirabile: se intendete spostare il vostro capitale vi basta riconvertire il tutto in XLM e spedirli direttamente da StellarX ad un altro exchange.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Seguo con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrivo anche di Linux su LFFL.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi