Legislazione News

Il Regno Unito non è pronto a regolamentare le criptovalute

Il Regno Unito non ha ancora in programma alcuna regolamentazione nel mercato delle criptovalute. Rapporti recenti suggeriscono che il governo deve ancora valutare i rischi e i benefici degli scambi associati alle valute virtuali.

Il Regno Unito resta a guardare, ma non si muove

Il mercato delle criptovalute è in continua espansione giorno dopo giorno. Tuttavia, i governi e i paesi mettono in discussione l’influenza che questi “beni rivoluzionari” hanno realmente sull’economia. A questo proposito, nel caso del Regno Unito, non vi sono ancora delle chiare affermazioni.

Nelle ultime settimane, Bitcoin (BTC) ha sperimentato una maggiore volatilità, qualcosa che ha richiamato l’attenzione di Lord Taylor di Warwick. Quest’ultimo ha chiesto una valutazione da parte del governo sulle nuove relazioni che la criptovalute possano avere all’interno del paese.

criptovalute regno unito bank of england

Lord Taylor è interessato agli effetti ed ai benefici che questo settore potrebbe avere sull’industria economica mondiale, grazie anche all’utilizzo della tecnologia Blockchain.

Tuttavia, la risposta ricevuta non è stata sufficiente. Il governo deve ancora capire quali sono le implicazioni della “volatilità” delle criptovalute nel Regno Unito. Lord Bates, ministro di Stato del Dipartimento per lo sviluppo internazionale, ha dichiarato che il governo seguirà da vicino gli sviluppi delle cripto nei prossimi mesi.

La Taskforce di Cryptoassets, lanciata a marzo, è stata fondata dalla Bank of England, dalla HM Treasury e dalla Financial Conduct Authority (FCA). Questa istituzione mira a comprendere meglio i rischi e i benefici relativi a questo nuovo tipo di risorse. Inoltre, vi è la possibilità che sorga una proposta per quanto riguarda le possibili regolamentazioni di mercato, in modo da proteggere gli investitori.

La Bank of England ha anche analizzato la situazione nel mercato delle criptovalute. Al momento, la banca centrale non ha in programma di creare una central bank digital currency (CBDC). In passato, tuttavia, aveva pubblicato un documento in cui analizzava le implicazioni dell’emissione di una CBDC.

Ha dichiarato:

Le banche centrali stanno studiando sempre di più le implicazioni della politica monetaria e del sistema finanziario per l’emissione di valute digitali della banca centrale (CBDC). Anche se la Bank of England attualmente non prevede di emettere CBDC, ha recentemente pubblicato un vasto programma di ricerca sull’argomento.

criptovalute regno unito bank of england

Ovviamente le agenzie di regolamentazione nel Regno Unito stanno analizzando il mercato, ma non hanno in mente una regolamentazione specifica. In generale, la maggior parte dei governi ha preso una posizione passiva nei confronti delle valute virtuali:

Attendiamo che altri Stati prendano una decisione per primi.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA]

Stefano Cavalli

Nato a Parma, classe '92. Laureato in Ingegneria Informatica Elettronica e delle Telecomunicazioni all'Università degli Studi di Parma. Appassionato da anni in tecnologia Blockchain, economia decentralizzata e criptovalute. Esperto in Web-Development & Software-Development.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi