Ethereum Mining News

Nvidia RTX 2080 & 2080 Ti: primi test nel mining di Ethereum

Lo scorso 21 Agosto, Nvidia ha finalmente annunciato le nuove e tanto attese schede video basate sulle GPU Nvidia Turing, le prime soluzioni in grado di portare l’esperienza grafica del Ray Tracing nei videogiochi moderni, grazie alle unità grafiche presenti nelle nuove GPU. Tuttavia, c’è un grande interesse per queste schede video anche da parte dei minatori di criptovalute, visto che i primi test prestazionale nei videogame hanno messo in evidenza un notevole guadagno prestazionale rispetto alla vecchia generazione.

Ovviamente, ciò non si traduce automaticamente in maggiori performance anche nel mining, ma un aumento delle unità di calcolo e delle frequenze operative dovrebbe comportare maggiori prestazioni. Inoltre l’uso delle memorie GDDR6 dovrebbe consentire migliori prestazioni nel mining di Ethereum.

Poche ore fa sono state pubblicate le prime recensioni di Hexus e Computerbase.de, nelle quali sono state rese note le prestazioni della RTX 2080 e 2080 Ti nel mining di Ethereum. Vediamo dunque che hashrate sono in grado di ottenere.

Nvidia RTX 2080 & 2080 Ti: le prestazioni nel mining di Ethereum

Stando ai test ddella testata Hexus, effettuati con parametri stock e con il miner Claymore 11.6, la Nvidia RTX 2080 è in grado di raggiungere nel mining di Ethereum un hashrate pari a 37-38  MH/s out of the box. La sorella maggiore invece, ovvero la Nvidia RTX 2080 Ti si è spinta sino a 51-52 MH/s. 

Bigbit

Più contenuti invece i valori registrati da ComputerBase.de, che ha riportato 35-36 MH/s per la RTX 2080 e e 48-49 MH/s per la 2080 Ti. Non è stato specificato però il miner utilizzato. Per quanto riguarda i consumi, le due schede hanno registrato mediamente consumi del 15-20% inferiori rispetto alle sorelle della vecchia generazione.

Mining Ethereum RTX 2080 2080 Ti

Sicuramente sono due buoni valori, ma visto il prezzo di tale schede video non risultano per nulla appetibili per i miners, che preferiranno optare per soluzioni ben più economiche.

Ottimizzando frequenze e timings delle memorie GDDR6 e della GPU, probabilmente è possibile ottenere un ulteriore incremento prestazionale, ma occorrerà attendere test più specifici.

Va inoltre considerato che gli attuali tool di mining non sono ottimizzati a dovere per le nuove GPU. Perciò con le prossime release le prestazioni miglioreranno quasi sicuramente. Vedremo.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

  1. Matteo Barbieri says:

    Hai messo dei banchmark sul mining di ethereum per le 1080 e 1080ti errati…
    Le 1080 su algo eth fanno 38 mentre le 1080ti fanno 50/55 mh/s 😉

Rispondi