Dogecoin News

[Errata Corrige] Dogecoin, Dogethereum e DOGX: facciamo chiarezza

Qualche giorno fa abbiamo dedicato un articolo a Dogecoin [DOGE] il cui prezzo è schizzato alle stelle in pochi giorni. La vera notizia che secondo noi ha fatto salire vertiginosamente il prezzo di Doge è legata a Dogethereum.

Nel momento in cui nominiamo Dogethereum però nasce un’ambiguità che ha tratto in inganno anche noi. Nel mondo delle criptovalute, si sa, ognuno può chiamare il proprio progetto come vuole. Esistono infatti due Dogethereum: cerchiamo di fare chiarezza.

Doge/Ethereum bridge

Il rumour che ha fatto schizzare alle stelle il prezzo di Dogecoin riguarda l’arrivo dell’alpha di un progetto chiamato Doge/Ethereum bridge a cui hanno lavorato per 13 mesi CoinFabrik, Ismael Bejarano, Catalina Juarros e Oscar Guindzberg.

Il ponte (bridge) in questione usa il concetto di Superblocco ( “Superblocks” ) per spostare Doge->Eth:

doge eth

e un ponte collaterale per il cambio inverso Eth->Doge:

eth doge dogecoin dogethereum

Per ulteriori dettagli sul funzionamento di questa tecnologia potete consultare i documenti ufficiali su GitHub. Il progetto è open source (licenza MIT), questi i riferimenti:

Bigbit

La demo del progetto sarà lanciata in live stream alle 19 di oggi 5 Settembre orario italiano su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=zOCdtJmCruc.

Non è ancora nota una data per la release stabile del progetto e non è previsto alcun fork.

Dogethereum: DOGX

dogethereum

Dogethereum [DOGX] è invece un hard fork di Dogecoin (non ufficiale) che non ha niente a che fare col progetto di cui vi ho parlato sopra. E’ in sviluppo da diversi mesi e dovrebbe essere lanciato ufficialmente a breve. Importante sottolineare che se eravate in possesso di Doge prima dello snapshot del 03/26/2018 (~2151868 block) vi verrà ‘regalato’ un DOGX con un rapporto 10000:1 (10000 DOGE=1 DOGX in regalo).

Dogethereum sul sito ufficiale è definita come una “peer-to-peer Internet currency” pensata per consentire pagamenti in tutto il mondo. Se il progetto avrà successo Doge potrà utilizzare l’ecosistema Ethereum che è sinonimo di rewards, micropagamenti e tanto altro.

Dogethereum (DOGX) userà l’algoritmo di Ethereum – Ethash (Dagger-Hashimoto).

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Seguo con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrivo anche di Linux su LFFL.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi