Wallet

[RECENSIONE] Billfodl: simpatico gadget per conservare il proprio SEED anche in casi estremi!

Quante volte nelle nostre guide inerenti alla creazione ed utilizzo di wallet vi abbiamo segnalato l’importanza del SEED? Come ben sapete e come abbiamo avuto modo di approfondire nel nostro focus dedicato, il SEED non è altro che una frase di parole (12, 18 o 24) senza un apparente senso logico. Tuttavia, questa particolare frase, è l’unico mezzo che vi consentirà sempre di recuperare i fondi del vostro wallet, indipendentemente da quante transazioni avete eseguito e da quanti indirizzi avete generato, anche se il vostro PC e la vostra casa sono andate distrutte.

Questo perché quella che a noi appare come una semplice frase, tramite un meccanismo di crittografia – nel dettaglio il concetto di portafoglio deterministico gerarchico – consente, utilizzando alcune funzioni matematiche, di derivare la vostra chiave privata, e dunque di recuperare tutti i fondi ad essa associati. Di fatto, il SEED viene tradotto in una Master Key, dalla quale poi verranno derivate tutte le altre chiavi in ordine deterministico. In questo modo, non si è vincolati all’uso di uno specifico modello di wallet e dunque si può sempre – ameno che lo perdiate o ve lo rubino – accedere ai propri fondi presenti sulla blockchain ed associati alla chiave privata.

Tuttavia conservare il SEED potrebbe non essere così banale. A logica, la soluzione migliore è trascriverlo su più fogli di carta e nasconderli in posti diversi, ovviamente sicuri. La carta però non è eterna. Umidità, acqua, fuoco, termiti ed altri imprevisti possono distruggere i vostri SEED cartacei. Proprio per questo motivo, negli anni alcuni aziende hanno proposto diverse soluzioni per conservare il SEED in maniera sicura ed apparentemente “eterna”. Uno di queste soluzioni è Billfodl, uno strumento realizzato in acciaio Inox per conservare SEED fino a 24 parole. Ovviamente è immune all’acqua, umidità, fuoco ed alte temperature, oltre agli insetti e termiti.

Vediamo come funziona.

[RECENSIONE] Billfodl: strumento per conservare il proprio SEED anche in casi estremi!

Abbiamo provato un’unità di Billfodl per vedere come funziona e se vale quel che costa. Trovate il prodotto sul sito ufficiale dell’azienda, avente sede a Dallas, negli USA. Il prezzo non è dei più economici, visto che si parla di circa 90 dollari più spedizione, quindi arriviamo sui 100 euro per il prodotto finito. Il prodotto ci è arrivato in tempi rapidi in meno di una settimana e senza ulteriori spese doganali.

Potete acquistarlo sullo shop ufficiale al seguente link: CLICCA QUI

Potete pagare in dollari ed ovviamente in Bitcoin. Segnalo anche che potrete pagarlo utilizzando Lightning Network.

Confezione ed accessori

Billfodl arriva in una confezione molto minimal, contenente solamente il SEED Keeper ed i tasselli con tutte le lettere e simboli. Non ci sono purtroppo manuali utenti, ma l’uso è abbastanza intuitivo.

Billfodl SEED Wallet

Tra gli altri accessori che ci sono stati forniti, troviamo anche un gadget da fissare sotto la scrivania per contenere Billfodl. Presenti anche alcuni sigilli di sicurezza.

Costruzione e design

Inutile dirvi che, essendo ignifugo, il dispositivo è interamente realizzato in acciaio Inox 316, dunque immune anche alla corrosione. Essendo in acciaio, il peso non è per niente contenuto. Parliamo infatti di circa 250 grammi per il solo SEED Keeper senza alcun tassello inserito. Aggiungendo tutti e 96 i tasselli, ci si avvicina ai 300 grammi.

Billfodl SEED Wallet

La costruzione è molto solida e non vi sono punti deboli. Il dispositivo è davvero ben fatto. Unica pecca, tende a graffiarsi un po’ troppo facilmente. Le dimensioni, almeno la larghezza e profondità, sono paragonabili a quelle di una carta di credito. Lo spesso invece, ammonta a circa 7 millimetri.

Sulle due facce esterne (superiore e inferiore) non sono presenti scritte o loghi. Su di esse troviamo solamente una serie di fori e viti. Nel dettaglio, il foro di sinistra funge anche da perno per l’apertura, mentre quello di sinistra può essere utilizzato per bloccare l’apertura con un lucchetto.

Billfodl SEED Wallet

Una volta aperto facendo scorrere verso l’alto la faccia superiore, troviamo i 12 slot da quattro caratteri ciascuno dove andremo ad inserire il SEED. Non manca ovviamente la numerazione ed alcuni linee separatrici tra una parola e l’altra. In basso a sinistra, troviamo anche il logo Billfodl.

Sulla destra invece, troviamo un ulteriore perno con la linguetta metallica di fissaggio dei tasselli. Per sbloccarla, dovrete svitare la vite presente nella parte superiore ed estrarre il blocco metallico nella parte inferiore, che consentirà di accedere ai tre slot per le lettere.

Billfodl SEED Wallet

Naturalmente sull’altro lato troveremo le restanti 12 parole mancanti, per un totale di 24 parole da quattro caratteri ciascuna (poi vi spiego perché solo quattro caratteri). Infine, per bloccare definitivamente la chiusura, in basso troviamo anche un perno sporgente ed il relativo incavo nel lato opposto.

I tasselli presenti sono circa 396. Comprendono tutte le lettere maiuscole e minuscole, oltre ai numeri e qualche simbolo speciale. Sono abbastanza leggibili, in quanto la lettera è incisa tramite laser.

Come funziona?

Usare Billfodl è molto semplice. Prendete il vostro SEED da 12, 18 o 24 parole. Aprite Billfodl, svitate la vite in alto a destra, tirate la levetta metallica inferiore ed aprite la linguetta. A questo punto non vi resta che inserire uno alla volta i vari tasselli con le prime quattro lettere di ogni parola. Nel caso in cui una parole sia costituita da sole tre lettere, dovrete aggiungere un tassello “bianco” per mantenere la giusta spaziatura.

Come indicato da Billfodl, il mancato inserimento di un tassello potrebbe compromettere la solidità del dispositivo nel caso in cui venga sottoposto ad alte temperature. Una volta inserite tutte le parole, richiudete la linguetta di destra e riavvitate la vite. Ecco fatto. Ora non vi resta che riporre Billfodl in un posto sicuro ed eventualmente apporvi un lucchetto di sicurezza.

Tuttavia vi starete chiedendo perché dovrete inserire solo quattro lettere per parola invece che l’intera parola. In parte può essere visto come uno svantaggio, però in realtà per ricostruire il proprio SEED e dunque accedere al proprio wallet bastano le prime quattro lettere di ogni parola. Una volta digitate nei vari strumenti di ripristino del wallet, nel mio caso Electrum, vi verranno automaticamente suggerite ed identificate le parole corrette partendo dai quattro caratteri in vostro possesso. Dunque nessun problema.

Conclusioni

Billfodl è solo una delle tante soluzioni per conservare il proprio SEED. Vi sono alternative più costose oppure anche approcci più economici. Per esempio potreste incidere a mano su una lamiera in acciaio o rame le parole del vostro SEED. In ogni caso una soluzione già pronta come Billfodl è sicuramente più veloce e versatile.

Non è troppo economica ma per chi vuole la massima sicurezza nella conservazione del proprio SEED è sicuramente uno strumento valido. Unica pecca è l’assenza di un meccanismo di serratura di sicurezza. Ma un banale lucchetto dovrebbe svolgere egregiamente il proprio lavoro.

Potete acquistare Billfodl a circa 90 dollari sullo shop ufficiale al seguente link: CLICCA QUI

Potete pagare in dollari ed ovviamente in Bitcoin. Segnalo anche che potrete pagarlo utilizzando Lightning Network.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi