Bitcoin Cash News

Bitcoin Cash: sviluppatore di Bitcoin Core scova un Chain-Splitting bug

Nelle scorse ore è emerso che la “persona sconosciuta” che ha comunicato agli sviluppatori di Bitcoin ABC la presenza di un grave bug scovato nel codice di Bitcoin Cash è in realtà uno sviluppatore di Bitcoin Core. Il bug in questione avrebbe portato alla divisione involontaria della chain di Bitcoin Cash (chain-splitting) causando una mezza catastrofe.

In un post su Medium, lo potete leggere qui, Corey Fields si è tolto la maschera. E’ lui ad aver scoperto il SIGHASH_BUG in Bitcoin Cash e ad averlo tacitamente segnalato lo scorso 25 Aprile 2018.

Secondo Fields, che lavora per la sezione Digital Currency del MIT Media Lab, se la vulnerabilità fosse stata sfruttata con successo da malintenzionati avrebbe reso le transazioni della rete BCH insicure, minando così le certezze attorno alla quarta più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato (dopo Btc, Eth e Xrp). La falla ad oggi è solo un lontano ricordo: è stata prontamente chiusa dagli sviluppatori.

Bitcoin: la minaccia più seria sono i bug

bitcoin cash bch chain-splitting

Nello stesso post, Fields ci avvisa che la maggiore minaccia per bitcoin è legata allo sviluppo del software.

“Alle conferenze e ai workshop mi viene spesso chiesto quale sia la più grande sfida per Bitcoin in futuro. La mia risposta è sempre la stessa: evitare l’exploit di bug che possono avere conseguenze catastrofiche”

queste le parole di Fields.

Secondo Fields, la minaccia dei cybercriminali, che possono sfruttare errori nel software, è ampiamente sottovalutata. Ad esempio, lo sviluppatore ha sottolineato le difficoltà che ha dovuto incontrare per segnalare il bug in questione a Bitcoin ABC. Un meccanismo semplice per la segnalazione dei bug è fondamentale in questo campo. Fields non è riuscito a trovare la chiave pubblica dello sviluppatore a capo di Bitcoin ABC (chiave pubblica con cui avrebbe potuto criptare in tutta sicurezza tutte le informazioni riguardanti la falla e spedirle senza rischi).

Secondo Fields, era anche importante rimanere anonimi per motivi di sicurezza personale, ecco perchè ha deciso di rivelare la sua identità solo oggi a problema risolto.

Se mi fossi rivelato prima avrei di fatto annunciato al mondo di essere in possesso di un metodo per attaccare la rete. Se qualcun’altro avesse usato tale falla tutti avrebbero pensato a me come primo colpevole.

Dopo la chiusura della falla Bitcoin ABC ha annunciato che una ricompensa sarebbe stata recapitata al benefattore che ha comunicato il problema. Fields non ha detto alcunchè in merito nel post su Medium.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Seguo con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrivo anche di Linux su LFFL.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi