EOS News

EOS, la piattaforma sarà presto in grado di eseguire 50’000 TPS

EOS nasce a metà 2017 ed a oggi è uno dei progetti più promettenti in assoluto. E’ al quinto posto per market cap a livello globale, dietro solo ai mostri sacri BTC, ETH, XRP e BCH. Da circa un mese gli sviluppatori sono riusciti a lanciare la mainnet (non senza qualche problemino).

Il progetto procede spedito nonostante le critiche dovute alla centralizzazione del potere di voto.

L’ex fund manager Mike Novogratz ha dichiarato che EOS sarà presto in grado di eseguire 50’000 transazioni al secondo. Novogratz attraverso Galaxy Digital ha investito centinaia di milioni di dollari in Block.one e segue quindi da vicino gli sviluppi del protocollo.

L’intervista di Mike Novogratz

mike novogratz eos

In una recente intervista per TheStreet Novogratz ha parlato di EOS, sia per la questione della centralizzazione che per quanto riguarda le migliorie in arrivo.

L’ecosistema EOS è basato sul DPOS (Delegated proof of stake, del quale abbiamo parlato qui, nDR). Per come è strutturato il DPOS si ha una certa centralizzazione del potere perchè la rete è gestita da un certo numero di “delegati”. Di contro però la blockchain sarà molto molto più veloce rispetto a quella dei competitor. Ad oggi riesce ad eseguire 5’000 transazioni al secondo ma tra pochi mesi raggiungerà 50’000 tps!

Decuplicare il numero di transazioni per secondo non è banale, siamo curiosi di vedere quali sono le migliorie introdotte dagli sviluppatori.

EOS è la prima blockchain che permette di costruire e sperimentare applicazioni commerciali. Molte persone lo trovano decisamente interessante. I critici di EOS affermano che non è decentralizzato e questo è un dibattito giusto ed è un tema che va affrontato. Credo che in futuro ci sarà spazio e mercato per soluzioni diverse aventi scopi diversi. Vedremo nei prossimi tre, forse quattro/cinque anni, quali blockchain avranno la fiducia degli investitori

Qualcuno scommette su EOS?

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Seguo con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrivo anche di Linux su LFFL.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi