ICO

[ICO] GastroAdvisor: la blockchain per migliorare il mondo della ristorazione

Oggi vediamo un interessante progetto che avvierà la propria ICO nei prossimi mesi, ovvero GastroAdvisor. Come lascia intuire il nome, si tratta di un sistema orientato alla ristorazione, volto a favorire l’adozione delle criptovalute come mezzo di pagamento nei ristoranti ma soprattutto a migliorare l’esperienza degli utenti e dei ristoratori. In che modo? Creando una piattaforma online dedicata esclusivamente alla gastronomia che sfrutti la blockchain di Ethereum per collegare utenti e ristoratori con un sistema di premi e pagamenti peer to peer.

Tramite tale piattaforma, gli utenti potranno cercare, consultare e prenotare i vari locali e, una volta frequentato il posto, avranno la possibilità di rilasciare una recensione certificata sulla blockchain. Proprio questo sistema serve a migliorare la trasparenza del settore gastronomico, eliminando eventuali recensioni false. Sfruttando la blockchain di Ethereum ed i pagamenti in criptovalute con i relativi hash, si avrà infatti una prova inconfutabile della veridicità ed autenticità delle recensioni, ad oggi spesso falsificate/comprate sulle classiche piattaforme centralizzate.

Naturalmente ci sarà anche un token proprietario per premiare ed incentivare gli utenti ed i ristoratori, ma non solo, visto che saranno presenti anche alcuni servizi volti a favorire i pagamenti in criptovalute nella ristorazione e tanto altro.

Vediamo quindi più in dettaglio come funziona.

GastroAdvisor: cos’è e come funziona

Il settore della ristorazione e della gastronomia è in costante crescita. Con l’arrivo di internet poi, sono nate diverse piattaforme online per cercare e valutare i locali. Tuttavia, è già successo più volte di imbattersi in recensioni false, corrotte oppure in votazioni negative senza alcun significato verso un determinato locale, con la conseguente frustrazione del ristoratore e perdita di interesse da parte della clientela.

Non solo, le attuali piattaforme, spesso sono abbastanza caotiche o poco aggiornate, forse per la complessità, per l’elevato numero di dati richiesti (alcuni inutili) oppure per la mancanza di un incentivo verso utenti e ristoratori nel mantenere aggiornate le informazioni. Inoltre, difficilmente integrano la possibilità di effettuare prenotazioni, per cui spesso è richiesto un ulteriore applicazione aggiuntiva di terze parti, con costi aggiuntivi.

GastroAdvisor ICO blockchain ristorazione

Per far fronte a tutti questi problemi, GastroAdvisor, la cui idea è nata nel 2016 ed è stata sviluppata sino ad oggi, vuole creare una piattaforma universale dedicata esclusivamente al settore gastronomico e della ristorazione, con l’obbiettivo di semplificare ai consumatori la ricerca dei locali e l’eventuale prenotazione. Sfruttando la blockchain, inoltre, permette di certificare la genuinità delle recensioni e delle opinioni degli utenti, dando un differente valore alla recensione in base al tipo di certificazione (Bronzo, Argento ed Oro, le vedremo più tardi).

Ovviamente, il sistema è pensato per “auto-mantenersi”, premiando sia gli utenti per l’uso della piattaforma, condivisione di foto, opinioni, ricette e recensioni come in un vero e proprio social network “gastronomico”, sia i ristoratori, che potranno ottenere premi e servizi (prenotazioni online, pagamenti in criptovalute, etc) dall’uso della piattaforma. Incentivando dunque utenti e ristoratori all’uso della piattaforma, si aumenterà la diffusione della stessa ed il mantenimento dei dati aggiornati.

GastroAdvisor ICO blockchain ristorazione

Infine, oltre a creare un vero e proprio ecosistema di servizi online disponibile sia da mobile che via web, GastroAdvisor punta anche a facilitare la diffusione delle criptovalute nel mondo della ristorazione, incentivandone l’uso come mezzo di pagamento vero e proprio. Non solo tramite il proprio token FORK, ma anche attraverso le principali valute (Bitcoin, Ethereum etc) grazie ad un exchange integrato sfruttando sia soluzioni software (Wallet ed applicazioni mobile) che hardware (PoS).

Di seguito trovate un semplice video esplicativo del progetto:

Recensioni Bronzo, Argento ed Oro e premi

Come accennato prima, uno dei punti di forza della piattaforma sono le recensioni degli utenti, necessarie per favorire la diffusione di un locale e valutarne la qualità.

Per evitare però che accada come sulle tradizionale piattaforme centralizzate, ovvero che vengano stilate recensioni fasulle da parte di utenti casuali o dalle lobby del web, GastroAdvisor ha introdotto tre differenti tipologie di recensioni. Le recensioni Bronzo, quelle meno di rilievo, possono venir stilate da chiunque abbia un account GastroAdvisor, anche senza aver effettivamente frequentato il locale (dunque non certificate). Saranno gestite dalle policy di GastroAdvisor e garantite dal livello d’esperienza dell’utente, così da evitare la creazione di account multipli solo per lasciare recensioni positive o negative.

Vi sono poi le recensioni Argento. Quest’ultime sono certificate dalla piattaforma, poiché un utente potrà rilasciare una recensione argento solamente dopo aver effettuato una prenotazione nel locale. Questa tipologia di recensione certificata esclude i falsi recensori e garantisce agli utenti opinioni affidabili di persone che effettivamente hanno cenato in un determinato posto.

Infine vi sono le recensioni Oro, certificate tramite blockchain. Le recensioni oro potranno essere rilasciate solamente presso i ristoratori che accetteranno come metodo di pagamento il token FORK ed altre criptovalute, in quanto l’hash della transazione di pagamento verrà utilizzato all’interno dello Smart Contract di GastroAdvisor per confermarne l’autenticità. La recensione inoltre, verrà salvata sulla blockchain di Ethereum e sarà quindi immutabile e verificabile da chiunque.

GastroAdvisor ICO blockchain ristorazione

Ovviamente gli utenti e ristoratori otterranno un certo numero di token FORK al rilascio di una recensione. Nel dettaglio:

  • l’utente riceve 0,5 FORK per una recensione Bronzo;
  • l’utente riceve 5 FORK per una recensione Argento, mentre al ristoratore vengono accreditati 5 FORK;
  • l’utente riceve 10 FORK per una recensione ORO, mentre al ristoratore vengono accreditati 10 FORK.

Non solo. Dal momento che la piattaforma sarà un vero e proprio “Social Network Gastronomico“, gli utenti potranno ottenere token anche aggiungendo informazioni inerenti ai locali, oppure condividendo una foto, un video o una ricetta di un piatto.

GastroAdvisor ICO blockchain ristorazione

Va segnalato che ovviamente il numero di token assegnato come premio cambierà in base all’andamento del valore. Inoltre, i premi saranno disponibili sino all’esaurimento dei 40 milioni di token destinati allo Smart Contract di GastroAdvisor.

I servizi e premi per i ristoratori

GastroAdvisor, per incentivare la diffusione della piattaforma, mira ad offrire diversi servizi e premi anche ai ristoratori. Per quanto riguarda i premi, accennati prima, un ristoratore riceve token FORK per ogni recensione Argento e Oro. Non solo, si ricevono anche alcune centinaia di token come incentivo per l’avvio dell’affiliazione, per l’uso delle prenotazioni online ed anche per l’accettazione dei token FORK come mezzo di pagamento.

GastroAdvisor ICO blockchain ristorazione

Bigbit

Passando ai servizi disponibili sulla piattaforma, i ristoratori potranno usufruire di un sistema completo per gestire le prenotazioni online nel proprio locale, comprensivo di tavoli, turni, orari e tanto altro.

Ad essi poi, si aggiungeranno altri tipi di servizi più dettagliati per la gestione delle prenotazioni, per l’aggiunta dei menù e tanto altro. Si potranno anche creare offerte personalizzate destinate agli utenti che utilizzeranno la piattaforma di GastroAdvisor e che pagheranno in token FORK o altre criptovalute.

Non mancherà poi uno Store dedicato ai servizi extra per i ristoratori. Tra tali servizi, segnaliamo la possibilità di sponsorizzare il proprio locale nelle prime posizioni, nonché di creare delle vere e proprie campagne marketing mirate. Sarà poi possibile acquistare hardware dedicato alla ristorazione per accettare pagamenti in criptovalute e tanto altro. Ovviamente il tutto sfruttando il token FORK come mezzo di pagamento.

Token Holder & GABS

Per mantenere stabile il valore dei token FORK ed incentivarne la crescita, GastroAdvisor premierà i token holder tramite interessi mensili. Tramite la maturazione di un certo punteggio chiamato GABS, pari al numero di token holdati per il numero di giorni e per il numero di contenuti inseriti nella piattaforma, si avrà diritto ad una percentuale variabile tra il 2 ed il 5% del nostro portfolio. La distribuzione degli interessi avverrà poi ogni tre mesi.

Non solo, gli holder e dunque chi supporta attivamente il progetto, potranno anche accedere ad ulteriori sconti ed incentivi sulla piattaforma GastroAdvisor.

Team e Roadmap

Il team è costituito prevalentemente da italiani. Il CEO del progetto GastroAdvisor è Samuele Rosso, Consigliere Gastronomico impegnato nel settore dello sviluppo di startup per la ristorazione. A seguire troviamo altre persone, fra cui il Co-Founder Massimo Galli, impegnato nel mercato della ristorazione ed anche alcuni sviluppatori specializzati sul settore degli Smart Contract di Ethereum e della blockchain.

GastroAdvisor ICO blockchain ristoranti

Tra gli Advisor segnalo la presenza di Mirko Falleri, noto anche per aver aderito ad altre ICO negli ultimi mesi ed impegnato nella promozione e divulgazione della blockchain e delle criptovalute. Presenti anche Agostino Formicella (blockchain evangelist) e Marco Crotta, di Blockchain Caffè.

Sul fronte Roadmap, segnaliamo la partenza della pre-ICO, prevista per il 3 Settembre 2018, e della ICO vera e propria, che partirà il primo Novembre e terminerà il 16 Dicembre 2018. La distribuzione dei token ed il debutto sugli exchange invece, sono attesi tra la fine del 2018 e l’inizio dell’anno 2019.

GastroAdvisor ICO blockchain ristoranti

Successivamente, verranno rilasciati il wallet e la prima release della piattaforma online, che permetteranno di effettuare prenotazioni sin da subito. A metà 2019, è atteso il rilascio dell’applicativo iOS ed Androd, mentre per la fine dell’anno dovrebbe venir rilasciato l’exchange integrato nella piattaforma. Nel 2020 poi, proseguirà lo sviluppo dell’ecosistema, che culminerà con il debutto della versione finale nell’estate 2020.

Vendita e distribuzione dei token

La vendita dei token FORK avverrà in quattro fasi. La prima fase, ovvero la pre-ICO, inizierà il 3 Settembre 2018 per terminare il 15 Ottobre 2018. Durante la pre-ICO il prezzo sarà fissato alla cifra di 2600 FORK per Ethereum, comprensivo di un bonus del 30% rispetto al prezzo finale del token, pari a 2000 FORK per Ethereum. Si potrà effettuare l’acquisto tramite le principali criptovalute (Eth, BTC, BCH ed XRP), oppure pagando tramite carta di credito ed addirittura PayPalGastroAdvisor ICO blockchain ristoranti

La ICO vera e propria invece, sarà suddivisa in tre fasi, ciascuna con un bonus differente. La prima fase di ICO partirà il primo Novembre 2018 e terminerà il 15 Novembre. Il prezzo, comprensivo del 20% di bonus, sarà pari a 2400 FORK per Ethereum. La seconda fase di ICO invece, partirà sempre il 15 Novembre e terminerà il primo dicembre, con un prezzo di 2200 FORK per Ethereum, bonus compreso. Infine, il rush finale avverrà dal primo Dicembre 2018 al 16 Dicembre, al prezzo di 2000 FORK per Ethereum, senza alcun bonus quindi. Qui sotto trovate un breve riepilogo delle varie fasi di vendita dei token.

Per acquistare i token dovete recarvi sul sito web ufficiale, in cui dovrete registrarvi e verificare il vostro account tramite KYC. Per tutti i dettagli vi rimandiamo direttamente all’opportuna sezione del sito web ufficiale: CLICCA QUIDovrete compilare l’opportuno form con i vostri dati, necessari per partecipare al whitelisting e successivamente alla vendita vera e propria. Il minimo contributo è pari a 0.1 Eth.

In totale saranno creati un massimo di 200 milioni di token FORK. Di essi, solo il 50% dei token saranno acquistabili durante la vendita pubblica a fasi. Nel dettaglio, 37,5 milioni di FORK saranno disponibili nella pre-ICO, 24 milioni nella prima fase di ICO, 20,6 milioni nella seconda e circa 18 milioni nella terza ed ultima fase. L’hard cap del progetto, quindi, è fissato a 47800 Ethereum, circa 2o milioni di euro al cambio attuale. Il softcap invece, ammonta ad un milione di euro. 

Per quanto riguarda poi i token invenduti, il 50% di essi verranno destinati allo Smart Contract che si occupa dei premi per gli utenti e ristoratori (lo abbiamo visto prima). Il restante 50% invece, verranno distrutti.

GastroAdvisor ICO blockchain ristoranti

Per la distribuzione dei token FORK di GastroAdvisor, essi verranno distribuiti in questo modo:

  • il 50% è destinato alla vendita pubblica, dunque pre-ICO ed ICO;
  • il 20% verrà destinato allo Smart Contract dei premi per gli utenti e ristoratori;
  • il 13% rimarrà al team, seppure vincolati per un anno con successivi sblocchi parziali trimestrali del 25%;
  • il 5% sarà utilizzato per le campagne di marketing;
  • il 5% agli Advisor del progetto;
  • il restante 2% sarà utilizzato per il bounty program.

I token sono di tipo ERC20 e possono essere conservati in wallet quali MEW ed Eidoo. Tuttavia verrà anche rilasciato un wallet ad-hoc realizzato da GastroAdvisor.

Sito web, whitepaper e Telegram

Per maggiori dettagli vi rimandiamo al sito web del progetto. Qui troverete anche il whitepaper completo. Infine, per ulteriori domande su GastroAdvisor esiste il gruppo Telegram Italiano.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi