Mining News

SQRL Acorn CLE: acceleratore hardware per il GPU Mining basato su FPGA

Circa un mese fa vi avevo parlato del ritorno in voga degli FPGA nel mining di criptovalute. Nel dettaglio, avevamo visto lo Xilinx Vertex VCU1525, un FPGA molto interessante in grado di garantire ottimi hashrate sul CryptoNight V7 e sul Lyra2z. QUI trovate il nostro approfondimento in merito. Ma forse è solo l’inizio…

Oggi infatti, vediamo lo SQRL Acorn CLE, un FPGA per accelerare il GPU Mining. Si tratta di una soluzione che va ad affiancare le vostre GPU e contribuisce ad migliorarne l’hashrate svolgendo alcune parti dell’algoritmo di Proof of Work sull’FPGA integrato. Si tratta quindi di un vero e proprio braccio destro per le vostre schede video, che vengono sgravate dall’esecuzione di alcune operazioni degli algoritmi di hashing. In questo modo, vengono superati eventuali bottleneck ma sopratutto si ottengono prestazioni migliori.

La scheda infatti, ha il classico formato degli ultimi SSD NVME ed M.2, e va collegata proprio a quel tipo di interfaccia per poter venir sfruttata. Richiede 4 linee PCI-E.

Vediamo nel dettaglio come funziona, le prestazioni ed i costi.

Acorn CLE: l’FPGA che aiuta le GPU nel mining

Squirrels Research Labs lo scorso 11 luglio ha annunciato un’intera serie di device – gli Acorn CLE – muniti di un FPGA prodotto da Xilinx per migliorare le prestazioni di mining senza influire troppo sui costi e sui consumi. Le tre schede infatti, ovvero Acorn CLE-101, CLE-215 e CLE-215+, hanno un costo rispettivo di 199, 299 e 329 dollari. Fra i tre modelli cambia la RAM installata (512MB vs 1GB) ed il numero di LE (Logic Elements), dai 100K ai 200K del CLE-215+.

Il pre-ordine è stato avviato nella giornata di ieri 13 luglio, e le spedizioni partiranno nel mese di Agosto. Trovate maggiori dettagli sullo Shop ufficiale: CLICCA QUI

Come vi dicevo prima, sostanzialmente gli Acorn CLE sono schede costituite da un FPGA con qualche centinaio di migliaia di elementi logici (LE) programmabili per lo svolgimento di una determinata funzione. Il vantaggio è che, rispetto ad una GPU, possono svolgere certe operazioni con performance decine di volte superiore, mantenendo consumi minimi. Tali schede lavorano in maniera sincrona con le vostre GPU e si occupano dell’esecuzione di alcune parti specifiche del Proof of Work scelto. In dettaglio, offrono incrementi prestazionali su algoritmi come il CryptoNight, LyraRev2, X16R ed Etash. Funziona con tutte le GPU, anche se i migliori guadagni prestazionali si hanno con le schede video di fascia alta.

Bigbit

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un singolo Acorn CLE è teoricamente in grado di gestire più GPU, anche se, visto il limite di 4 connettori PCI-E dell’interfaccia NVME, difficilmente risulterà funzionale con più di 3/4 GPU. Probabilmente darà il meglio di se con massimo due schede video.

Le prestazioni ed i consumi

Passiamo ora alla parte più interessante, ovvero le prestazioni ed i consumi. Sul fronte consumi, un singolo Acorn CLE ha un TDP massimo di 15 Watt. Davvero poco quindi.

Per quanto riguarda le prestazioni, come vi dicevo prima sono variabili in base alla scheda video ed all’algoritmo. In generale, vengono premianti gli algoritmi meno vincolati alla memoria, come LyraREv2 ed X16R, basati sulle classiche funzioni di hashing del Keccak.

Acorn CLE GPU Mining FPGA

Stando ai dati riportati e facilmente visibili sul sito, in questi due algoritmi si riesce ad ottenere anche un raddoppio dell’hashrate. Ovviamente si ha anche un aumento di consumi della scheda video, seppur minimo, in quanto verrà sfruttata più a fondo.

Per Ethash e CryptoNight invece, viene dichiarato un aumentato prestazione fino al 10% su Ethash e fino al 30% su CryptoNight, con un calo dei consumi delle schede video fino al 60%. Un dato da verificare ma interessante se veritiero.

Infine, essendo un FPGA, il dispositivo può essere utilizzato anche per il mining di certe monete senza necessità di utilizzare GPU. Nel dettaglio, quelle basate sullo SHA3 e sulle funzioni di hashing classiche del Keccak.

Ovviamente sarà necessario attendere anche i feedback della community di miners per valutare le reali prestazioni.

Bitstreams e SQRL Miner

SQRL ha dichiarato che renderà disponibili i propri Bitstreams a fine Agosto, anche se tratterà un percentuale dall’utilizzo. Un bitstream è la configurazione del FPGA per svolgere una determinata operazione. Di solito è scritto in linguaggi come VHDL, e serve letteralmente a programmare un FPGA per fargli svolgere una determinata funzione.

Infine, per gestire gli Acorn CLE è necessario utilizzare lo SQRL Miner. Sarà esso ad occuparsi della ripartizione delle “funzioni del PoW” fra l’FPGA e la GPU a seconda dell’operazione.

Per tutti i dettagli vi rimandiamo al sito web ufficiale: CLICCA QUI

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La mia avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org, GizBlog.it, ed ora su CryptoMinando.it. Sono nel mondo delle criptovalute come minatore dal 2013 ed ad oggi seguo gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApps, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things, la mia branca di studio.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi