Ethereum News

Sergey Brin: il mining di Ethereum e il “fallimento” di Google sulla blockchain

Parlando a una conferenza blockchain in Marocco durante il fine settimana, il co-fondatore di Google Sergey Brin ha espresso il suo interesse per le criptovalute e la blockchain. Brin ha parlato di come Google ha perso la sua possibilità di essere un leader nella tecnologia blockchain e di come ha minato Ethereum facendo però “pochi dollari da allora”.

Google e la blockchain

brin ethereum google blockchain

Brin è attualmente presidente della società madre di Google Alphabet.

“Probabilmente non siamo riusciti ad entrare per primi in questa tecnologia, sarò onesto,” ha detto, riferendosi alla blockchain, ma aggiunge che crede che la tecnologia sia già nella mani di X, la divisione di ricerca semi-segreta della compagnia.

Nel mondo blockchain, Google è famoso soprattutto per la sua decisione di vietare gli annunci di criptovaluta.

Scott Spencer, direttore delle pubblicità sostenibili di Google, ha spiegato a marzo:

“Non disponiamo di una sfera di cristallo per sapere come sarà il futuro delle criptovalute, ma abbiamo visto un danno o un potenziale danno per i consumatori tale da costituire un problema che vogliamo affrontare con estrema cautela.”

Gli esperti britannici hanno affermato che il divieto di Google sulla pubblicità in criptovaluta è self-serving. Inoltre affermano che il motore di ricerca sta” oltrepassando il suo ruolo di custode delle informazioni “.

Brin: il figlio e il mining di ethereum

brin ethereum google blockchain

Nel frattempo, Brin ha ammesso di non conoscere a fondo il mondo delle criptovalute, ma di avere installato un impianto di mining amatoriale.

“Un anno o due fa mio figlio ha insistito sul fatto che dovevamo avere un PC da gaming. Gli ho detto che se avessimo avuto un PC da gaming allora dovevamo anche effettuare mining di criptovalute. Quindi abbiamo assemblato un pc sia da gaming che dedicato al mining di Ethereum. Da esso abbiamo ricavato alcuni soldini da allora.”

Ha poi aggiunto che questo lo ha decisamente interessato e ha iniziato a studiare la tecnologia che c’è dietro e l’ha trovato affascinante.

Il mining secondo Nvidia

Jensen Huang, CEO di Nvidia, società americana di tecnologie di visual computing, ha dichiarato in maggio:

“Molti giocatori, quando non stanno giocando, fanno spesso un po ‘di attività di mining. Il motivo principale per cui hanno comprato un pc da gaming è per l’appunto per i giochi, ma mentre sono a scuola, al lavoro, oppure a letto, basta lasciarlo acceso e faranno un po’ di attività di mining remunerata”.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

1xbit

[VIA]

Michele Porta

Ingegnere informatico. Da sempre appassionato di tecnologia, hardware e software. Sono entrato nel mondo delle criptovalute negli ultimi anni imparando a fare trading e studiando gli aspetti tecnologici e implementativi delle principali cryptocoin sul mercato. Spero in un futuro privo di contanti e basato sulla sicurezza garantita dalla blockchain.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi