Bitcoin Lightning Network

CoinJoinXT: usare Lightning Network per migliorare la privacy delle transazioni Bitcoin

Molti utenti credono che Bitcoin sia una criptovaluta anonima, ma in realtà non lo è. Infatti è possibile tracciare le transazioni ed indirizzi sulla blockchain sino quasi a risalire alle identità delle persone, sfruttando anche i servizi di exchange che richiedono il KYC. La privacy offerta quindi, è abbastanza fragile. Tuttavia però, vi sono diversi meccanismi volti proprio a migliorarne l’anonimato. Oltre alle firme di Schnorr, esiste anche CoinJoin. Ecco come funziona.

CoinJoin: migliorare la privacy delle transazioni Bitcoin

Il sistema CoinJoin consiste nell’effettuare transazioni quasi anonima effettuando un mix delle transazioni, unendo quindi più importi e destinatari in una sola transazione, così da rendere difficile risalire alle parti coinvolte. CoinJoin è una soluzione proposta da Gregory Maxwell, un Core Developer di Bitcoin.

CoinJoinXT Lightning Network Privacy

In sintesi dunque, controllando anche lo schema riportato, CoinJoin consente agli utilizzatori di Bitcoin di effettuare pagamenti congiunti ai pagamenti di altri persone. In questo modo, i tool di analisi della blockchain difficilmente possono risalire ad un collegamento diretto fra una transazione e le parti coinvolte, rendendo il tutto più anonimo. Ma non basta.

Infatti, come fatto notare dallo sviluppatore Adam Gibson, queste transazioni sono comunque “riconoscibili come CoinJoins” a causa dei metadati che si portano dietro. Ciò vuol dire che chi effettua l’analisi della blockchain per individuare entità, può riconoscere che sono state eseguite una o più transazioni utilizzando lo strumento CoinJoin. Però, se tutto ha funzionato come previsto, rimarrà comunque impossibile tracciare un determinato pagamento all’interno di CoinJoin, garantendo quindi un certo livello di privacy.

Lightning Network e CoinJoinXT: lo step successivo

Tuttavia, per rendere le transazioni ancora più anonime ed a questo punto indistinguibili da quelle con CoinJoin attivo o meno, si può pensare di usare CoinJoinXT, una soluzione proposta e sviluppata da Adam Gibson e che sfrutta il second layer di Bitcoin, ovvero Lightning Network.

Come funziona? Come spiega Gibson (QUI tutti i dettagli tecnici), i tool di analisi della blockchain si affidano a determinate ipotesi per smascherare gli utenti e trovare le transazioni da essi eseguite. L’obiettivo per gli utenti di Bitcoin attenti alla privacy, quindi, è quello di invalidare tutti i presupposti di questi strumenti. “Bisogna dunque fare in modo che nessun particolare sottoinsieme contiguo sulla blockchain venga visto come una struttura legata a CoinJoinXT“. Quindi, mentre il tradizionale CoinJoin si basa sulla “fungibilità intrinseca”,  il CoinJoinXT sfrutta la “negabilità”.

CoinJoinXT Lightning Network Privacy

La negabilità si ottiene aggiungendo un nuovo passaggio al classico processo di mix delle monete utilizzato in CoinJoin. Ciò consiste nell’uso di un canale Lightning Network a doppio finanziamento, utilizzato per effettuare pagamenti senza consentire di risalire ai fondi spesi dalle due parti. In sostanza dunque, si sfrutta il layer off-chain per migliorare la privacy on-chain, così da impedire di risalire alle transazioni.

Gibson ha rilasciato una semplice dimostrazione del concetto, affermando che CoinJoinXT ad oggi può essere utilizzato solamente in maniera basilare. C’è ancora molto da fare per renderlo pienamente operativo.

Dunque ci vorrà ancora molto tempo per vedere tale sistema in funzione.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA]

Marco Picchi

Ingegnere Elettronico, da anni appassionato di hardware, IoT e reti. Ho scoperto Bitcoin nel 2012 per poi buttarmi sul mining casalingo l'anno successivo. Ad oggi seguo con interesse lo sviluppo di tecnologia Blockchain.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi