Ethereum News

Bitcoin ed Ethereum non sono delle security, mentre alcune ICO si. Parola della SEC

Nella giornata di oggi, un alto funzionario della US Securities and Exchange Commission ha dichiarato che Ethereum e Bitcoin non possono essere ritenuti delle security. William Hinman, direttore della divisione della SEC dedicata alla finanza aziendale, ha infatti affermato che “attualmente Ethereum, per come è strutturato, non può essere definito una security, dunque non sarà regolato dalla SEC“. Lo stesso discorso è valido per Bitcoin.

Una notizia molto attesa e che in parte ha subito avuto ripercussioni sulla quotazione della criptovalute.

Ethereum non è una security per via della decentralizzazione

Hinman durante la conferenza di San Francisco ha affermato: “in base alla mia comprensione dello stato attuale di Ethereum, del network e della sua struttura decentralizzata, le attuali offerte e vendite di Eth non possono essere riconosciute come transazioni di titoli“.

La motivazione dunque è dovuta al fatto che non esiste un ente centrale nella rete che si occupa dell’emissione delle monete. Ma non tutte le monete sono uguali, ha affermato Hinman. Alcuni token ed ICO infatti, potrebbero venir considerati titoli. La distinzione sta nel modo in cui le monete/token vengono effettivamente offerte al pubblico.

In particolare Ripple (XRP), di recente oggetto di una causa inerente proprio al discorso security, potrebbe venir considerato un vero e proprio titolo, dato che le monete vengono effettivamente generate e distribuite da un ente centrale.

Non solo Ethereum, anche Bitcoin non è una security, mentre alcune ICO…

Sempre Hinman ha dichiarato che anche Bitcoin non può essere ritenuta una security, opinione già espressa anche da altri funzionari della SEC. Mentre non non ci sono state dichiarazioni in merito alle altre criptovalute.

Per quanto riguarda le ICO, Hinman ha invece affermato che alcuni beni digitali potrebbero essere strutturati più come un bene di consumo che come un titolo, in particolare, se il bene è acquistato per uso personale e non come un investimento.

In futuro potrebbero esserci anche altre reti e sistemi sufficientemente decentralizzati in cui non sarà possibile effettuare una regolamentazione dei token come vere e proprie securities“, ha dichiarato Hinman. Staremo a vedere.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA]

Marco Picchi

Ingegnere Elettronico, da anni appassionato di hardware, IoT e reti. Ho scoperto Bitcoin nel 2012 per poi buttarmi sul mining casalingo l'anno successivo. Ad oggi seguo con interesse lo sviluppo di tecnologia Blockchain.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi