News

Circle annuncia una stable-coin del dollaro americano

Nella giornata di ieri, in occasione del Consensus 2018, Circle ha annunciato di aver terminata una raccolta fondi di serie E, durante la quale ha raccolto ben 110 milioni di dollari. Sono stati annunciati anche i partner partecipanti al progetto, fra cui l’importante Bitmain, il colosso cinese produttore di attrezzatura per il mining. Tra gli altri nomi, troviamo anche Accel, Blockchain Capital, Breyer, Digital Currency Group, General Catalyst, IDG, Pantera e Tusk Ventures.

L’obbiettivo è di migliorare i propri servizi e di creare una nuova criptovaluta regolamentata dal governo ma soprattutto con un prezzo stabile e vincolato al dollaro americano. Il CEO di Circle – Allaire – quindi, ha esplicitato l’obbiettivo di Circle, ovvero quello di diventare un fornitore di servizi di criptovalute, non solo un semplice exchange dunque.

Allaire ha dichiarato in seguito:

“Una parte fondamentale della nostra visione sarà costituita dall’utilizzo di protocolli aperti, così da consentire la libera circolazione dei valori sulle blockchain. Un elemento critico, invece, sarà la realizzazione di standard interoperabili, in modo che il denaro possa fruire tramite le blockchain. È qui che entrano in gioco le stable-coins ed i protocolli per i pagamenti”.

Allaire ha poi aggiunto che il progetto di una stable-coin è essenziale per la maturazione e continua espansione di Circle.

“Stiamo creando una stable-coin, ovvero la criptovalute USD. Ad oggi non è possibile trasmettere dollari su Internet o utilizzarli in contratti intelligenti. La possibilità di inviare moneta digitale a chiunque abbia un portafoglio digitale è rivoluzionaria ed aprirà al mondo nuove forme di commercio”.

Bitmain e Circle

 

Fra i vari partner, quello che sicuramente da più nell’occhio è Bitmain. Attualmente infatti, Bitmain è il primo produttore al mondo di ASIC ed attrezzatura per il mining di criptovalute. Oltre ad aver contribuito alla raccolta fondi, Circle ha dichiarato che Bitmain avrà un ruolo chiave nell’introduzione della stable-coin, in quanto contribuirà all’interoperabilità globale.

Questo poiché probabilmente Bitmain con i suoi prodotti contribuirà al mantenimento del network, anche se al momento non vi è nulla di certo in merito.

La stable-coin di Circle non è la prima criptovaluta di questo genere. Molti di voi infatti conosceranno TetherUSD (USDT), al centro dell’attenzione mediatica negli ultimi mesi a causa di un possibile riciclaggio. Proprio per questo motivo, Circle ha annunciato che vedrà di mantenere la maggior trasparenza possibile sulla futura stable-coin.

Infine, Allaire ha dichiarato che Circle ha gestito più di 75 miliardi di dollari di transazioni in criptovalute tra dicembre e febbraio, generando 250 milioni di dollari di entrate. Il numero di utenti è praticamente quintuplicato, raggiungendo i 7 milioni di iscritti in oltre 200 paesi.

Numeri da capogiro, che lasciano intuire l’enorme crescita di questo settore negli ultimi 6 mesi, nonostante il mercato non proprio in forma.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

[VIA]

Marco Picchi

Ingegnere Elettronico, da anni appassionato di hardware, IoT e reti. Ho scoperto Bitcoin nel 2012 per poi buttarmi sul mining casalingo l'anno successivo. Ad oggi seguo con interesse lo sviluppo di tecnologia Blockchain.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi