News

Coinbase avrebbe un valore stimato di ben 8 miliardi di dollari

Chiunque abbia avuto a che fare con il mondo delle criptovalute conosce Coinbase. Molte delle persone che hanno acquistato Bitcoin nell’ultimo anno, hanno infatti utilizzato proprio tale piattaforma come gateway d’accesso al mondo delle criptovalute.

Coinbase è una società di scambio di beni digitali con sede a San Francisco in California e fondata nel luglio 2011. Negli anni, ha espanso il proprio mercato, arrivando in 32 nazioni, fra cui l’Italia. Oltre al Bitcoin, inoltre, sono state aggiunte altre valute, fra cui Bitcoin Cash (BCH), Ethereum (ETH) e Litecoin (LTC). Nei prossimi mesi inoltre, dovrebbero debuttare su Coibase (o sul braccio destro Gdax) anche alcuni mercati per token ERC20.

Proprio a causa di questa crescita, la piattaforma col tempo ha acquisito sempre più utenti, raggiungendo i 15 milioni di iscritti (dati Dicembre 2017). Di conseguenza, la società ha aumentato il proprio valore, che è stato recentemente stimato a ben 8 miliardi di Dollari. Vediamo da dove arrivano questi numeri.

Coinbase: valore stimato di 8 miliardi di Dollari?

Nelle ultime settimane, Coinbase ha acquisito Earn.com. Durante l’acquisizione, l’azienda ha incluso nell’offerta un pacchetto un azionario, da cui è stato possibile concludere che il valore stimato di Coinbase ammonta ad 8 miliardi di dollari. Oltre alla valutazione interna dell’azienda però, anche alcuni broker hanno affermato che l’attuale valore delle azioni di Coinbase in mano agli investitori è compreso tra i 4,5 e 6 miliardi di dollari. Sommate a quelle possedute dall’azienda stessa quindi, ci avviciniamo realmente agli 8 miliardi profetizzati.

Si tratta di un bel passo avanti rispetto all’ultima stima, risalente all’agosto 2017. Ad agosto infatti, dopo aver concluso un ciclo di finanziamenti Serie D da ben 100 milioni di dollari da parte di IVP, il valore di Coinbase ammontava a 1,6 miliardi di dollari. Una cifra importante, che aveva reso l’azienda il primo vero colosso delle criptovalute.

Come ben sappiamo però, il mondo delle criptovalute ha subito un vero e proprio boom dall’estate 2017 fino agli inizi del 2018, prima di iniziare un periodo ribassista durato fino ad un mese fa (si spera). Coinbase ha dichiarato di aver registrato un fatturato di un miliardo di dollari nel solo 2017, buona parte dovuto proprio al rally del Bitcoin nell’ultimo trimestre dell’anno.

E in futuro?

Negli ultimi mesi l’azienda si è rivolta alle autorità di regolamentazione per la registrazione della piattaforma come ente intermediario per la compravendita di criptovalute. Ciò le consentirebbe listare nuove valute e monete come veri e proprie security token in maniera conforme.

Come detto prima, inoltre, l’azienda ha fatto un grosso balzo avanti acquisendo Earn.com per oltre 100 milioni di dollari e la startup Cipher Browser.

Inoltre, Coinbase ha ampliato in modo significativo la propria gamma di servizi, annunciando il nuovo plugin per applicazioni commerciali Coinbase Commerce ed offrendo un servizio di custodia per criptovalute destinato agli enti istituzionali. Nei prossimi mesi inoltre, dovrebbero debuttare i token ERC20 e forse anche qualche altra criptovaluta.

Vedremo fin dove si spingerà l’azienda. Vi ricordiamo inoltre che esita una community Telegram italiana dedicata a Coinbase: CLICCA QUI.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

1xbit

[VIA]

Marco Picchi

Ingegnere Elettronico, da anni appassionato di hardware, IoT e reti. Ho scoperto Bitcoin nel 2012 per poi buttarmi sul mining casalingo l'anno successivo. Ad oggi seguo con interesse lo sviluppo di tecnologia Blockchain.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi