ASIC Mining

Halong Mining DragonMint T2: ASIC Bitcoin da 17 TH/s!

Nelle scorse settimane avevamo ricevuto la conferma dell’utilizzo di chip a 10 nanometri prodotti da Samsung negli ASIC di Halong Mining, più nel dettaglio nel DragonMint T1, caratterizzato da ben 16 TH/S di potenza nel mining di Bitcoin.

Negli ultimi giorni, il produttore Halong Mining ha annunciato un nuovo modello, il DragonMint T2, sempre basato su tali chip ma in grado di ottenere un hashrate di ben 17 TH/s, che abbinati ad un consumo di 1600 Watt circa, lo rendono l’ASIC per il mining di Bitcoin ad oggi più efficiente. Tra la concorrenza infatti, troviamo il Bitmain Antminer S9, che si ferma però a circa 13 TH/s. Potete vedere i principali ASIC per Bitcoin nella nostra raccolta.

Halong Mining DragonMint T2

Al momento sono state rese note solamente le specifiche principali del modello, mentre rimane sconosciuto il prezzo e la disponibilità. Tuttavia, essendo il DragonMint T2 una versione ottimizzata della versione T1, probabilmente avrà prezzi affini.

Halong Mining DragonMint T2

Il DragonMint T1 ad oggi viene venduto ad un prezzo di listino di 2700 dollari ed offre un hashrate di 16 TH/s. Il T2, potrebbe facilmente collocarsi nella fascia di prezzo attorno i 3000 dollari, ameno che l’azienda non riposizioni il precedente modello ad un prezzo più basso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dando una rapida occhiata alle immagini dell’ASIC, notiamo che esso è costituito da tre schede madri, ciascuna con circa 64 chips. In totale dunque, il dispositivo dovrebbe avere circa 190 chip destinati al mining di Bitcoin.

Tali chip, come detto in apertura, sono prodotto da Samsung in una delle linee produttive a 10 nanometri. Proprio per questo motivo, rispetto alla concorrenza, tale ASIC vanta un’efficienza migliore. Inoltre, essendo i primi chip prodotti su questo processo produttivo, molto probabilmente vi sarà un buon margine di miglioramento nel corso dei prossimi mesi.

Infatti, come accade nel mondo dei SoC mobile, delle GPU e delle CPU, in seguito all’utilizzo di un nuovo processo litografico, nei mesi successivi alle prime fasi di produzione capita di effettuare una nuova revisione del processo produttivo, migliorando rese e prestazioni dei chip, seppure lievemente. Non è quindi da escludere che tali chip siano un affinamento dei primi, utilizzati nel DragonMint T1. Oppure, potrebbero essere semplicemente chip selezionati, dunque con un miglior binning e, di conseguenza, consumi più contenuti e maggior frequenza operativa.

Rimane da scoprire quando il prodotto verrà rilasciato, anche se non dovrebbe mancare molto. Per tutte le informazioni, vi rimandiamo al sito web ufficiale di Halong Mining: CLICCA QUI.

[VIA]

Marco Picchi

Ingegnere Elettronico, da anni appassionato di hardware, IoT e reti. Ho scoperto Bitcoin nel 2012 per poi buttarmi sul mining casalingo l'anno successivo. Ad oggi seguo con interesse lo sviluppo di tecnologia Blockchain.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi

CryptoMinando