ICO

Casper, piattaforma decentralizzata per lo storage su cloud (ICO)

Il progresso dell’umanità può essere misurato secondo vari parametri. Uno di questi può essere il modo in cui trasmettiamo e salviamo dati e informazioni. Lo sviluppo delle tecnologie digitali, l’avvento di Internet e dei computer (oltre che degli smartphone dei tablet e quant’altro) ha creato una nuova necessità: avere i nostri dati sempre con noi ovunque ci troviamo. La soluzione a questo problema si chiama cloud, salvare i dati nel cloud (nelle nuvole) consiste di fatto nel salvarli su un server in remoto. Esistono vari servizi cloud quali Google Drive, Dropbox o Onedrive per nominare i tre più famosi. Casper è un progetto molto interessante, di fatto è una piattaforma decentralizzata per lo storage su cloud.

L’avvento della tecnologia blockchain ha portato allo sviluppo di applicazioni decentralizzate (Dapps, ne abbiamo già parlato qui). Il costo dei servizi “classici” per le app decentralizzate è troppo elevato e la sicurezza non è sempre sufficiente. Casper vuole risolvere questo problema. Ora vi starete chiedendo “cos’ha di diverso Casper dalle altre piattaforme?” cerchiamo di capirlo insieme.

Casper, piattaforma decentralizzata per lo storage su cloud.

Grazie all’API di Casper qualsiasi applicazione decentralizzata potrà salvare dati sulla blockchain. Di fatto è un elemento che permette a qualsiasi Dapp di avviare un servizio di cloud storage decentralizzato usando la blockchain e gli smart contracts.

Casper mette a disposizione un network di repositories distribuiti per qualsiasi tipo di dato come fotografie, video testo e così via. Non ha punti deboli proprio grazie alla decentralizzazione.

Casper Token: CST

casper token

Per salvare i dati delle Dapps serve ovviamente spazio su disco. Lo smart contract si occupa di inviare al server un indirizzo dove i dati possono essere salvati. Il sistema dietro a Casper durante l’upload copia i dati (che ovviamente sono criptati) su almeno 3 server. Se per qualche motivo uno dei tre server diventasse improvvisamente irraggiungibile un server di backup si attiverebbe recuperando i dati da uno degli altri due in modo da avere sempre almeno 3 copie disponibili.

CST è il token della piattaforma e serve per pagare i provider che mettono a disposizione le risorse (ovvero lo spazio sui server). Un gigabyte di spazio (1 GB) corrisponde a 1 CST. Ben 440 milioni di tokens sono disponibili, il 3% dei quali è stato venduto in Pre-ICO, il 42% nella fase di pre-sale e il 14% verrà venduto nella vera e propria token-sale phase. La restante parte dei token è stata così suddivisa:

  1. 20% tenuti come fondo per garantire il sostentamento del progetto;
  2. 15% sarà destinato al team;
  3. 2% sarà destinato agli advisors;
  4. 1% per il bounty-program;
  5. 5% per i partners della piattaforma;

Il prezzo di 1 CST in Pre-ICO era pari a $0.08. In una sola ora la Pre-ICO ha fatto segnare una raccolta record, pari a 1 milione di Dollari USA. Durante il Pre-sale (tutt’ora in corso) il prezzo è pari a 0.12$ e sarà di 0.16$ durante l’ICO che inizierà il 31 Maggio. CST come avrete capito è un token ERC20 che potrà ovviamente essere scambiato sugli exchange.

Roadmap

casper roadmap

Casper, conclusioni

Il progetto è molto interessante ed è in una fase abbastanza avanzata. Ha ricevuto ottimi punteggi sia su IcoBench (4.9/5) che su TrackICO (5.0/5.0). L’idea di fondo è molto buona, un po’ come avviene per Golem (GNT) si richiede l’aiuto degli utenti (definiti provider sul sito ufficiale) per salvare dati in moto intuitivo e decentralizzato. Il client è già disponibile per il download sul sito ufficiale per Ubuntu, Debian e Windows.

Per ulteriori dettagli vi lascio i riferimenti di Casper:

Website: http://www.casperproject.io
Whitepaper http://www.casperproject.io/docs/Casper_whitepaper_en.pdf
Facebook https://www.facebook.com/CasperAPI/
Twitter https://twitter.com / CasperAPI
Telegram: https://t.me/CasperProjectENG

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

1xbit

Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Seguo con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrivo anche di Linux su LFFL.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi