Ethereum News

Vitalik: “gli sviluppatori di DApps Ethereum sono limitati dalla scalabilità”

Nella giornata di oggi si è tenuto in Corea del Sud un importante evento dedicato al’economia distribuita Deconomy -, alla quale ha partecipato anche Vitalik Buterin, fondatore e creatore di Ethereum. Durante il proprio intervento però, Vitalik ha espresso il principale fattore limitante della piattaforma: la scalabilità.

“Se volete costruire un Uber decentralizzato o l’equivalente di Lyft su una piattaforma non scalabile come quella di Ethereum, siete bloccati! Punto.” Questa l’affermazione del 24-enne Vitalik. Una frase forte che mette in evidenza il fattore limitante del sistema.

La piattaforma dunque, deve cambiare per soddisfare i crescenti livelli di interesse da parte degli sviluppatori.

“gli sviluppatori di DApps Ethereum sono limitati dalla scalabilità”

Vitalik ha sottolineato come risulti essere estremamente frustante sviluppare un applicazione distribuita destinata a milioni di utenti, in quanto il network non è in grado di garantire un elevato numero di transazioni.

Ad oggi infatti, la piattaforma di Ethereum è in grado di effettuare circa 16 transazioni al secondo. Un numero inadeguato per applicazioni distribuite (DApps), destinate a milioni di persone. Negli ultimi mesi infatti, alcune applicazioni come Cryptokitties o alcune ICO, hanno avuto così tanto successo da intasare la rete, comportando un aumento del prezzo del GAS. Perciò gli sviluppatori potrebbero optare per altre piattaforme e non avvicinarsi al mondo della blockchain.

Inoltre, Vitalik ha aggiunto che molto del materiale reperibile in rete inerente a tali argomenti è poco chiaro e confusionario.

Se provate a leggere un articolo su Wikipedia inerente ad un qualsiasi argomento matematico, troverete solamente un groviglio di formule incomprensibili e bla bla bla“, ha dichiarato Buterin.

Proprio per questo motivo dunque, sono ben poche le persone propense ad avvicinarsi a questo mondo ed allo sviluppo di applicazioni distribuite.

Sharding, Plasma e Truebit: proseguono gli sviluppi ma…

Per quanto riguarda le possibili soluzioni inerenti alla scalabilità, Vitalik non si è espresso, anche se sappiamo che a breve dovrebbe partire la prima testnet per lo Sharding. Lo sharding potrebbe essere una delle migliori soluzioni per migliorare il throughput del network di Ethereum. In sintesi, esso consiste nel partizionamento della rete in più settori per migliorarne la scalabilità.

Oltre allo sharding però, altre soluzioni potrebbero consistere nei Channel State, un po’ il Lightning Network di Ethereum, ma sopratutto Plasma e TrueBit. Potete approfondire il funzionamento di queste tre soluzioni del second layer di Ethereum nel nostro approfondimento dedicato.

Vitalik non ha espresso alcuna parola per la questione ASIC, segno che forse il problema non è così impellente come il problema della scalabilità. Vedremo come proseguirà la situazione.

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

1xbit

[ VIA ]

Marco Picchi

Ingegnere Elettronico, da anni appassionato di hardware, IoT e reti. Ho scoperto Bitcoin nel 2012 per poi buttarmi sul mining casalingo l'anno successivo. Ad oggi seguo con interesse lo sviluppo di tecnologia Blockchain.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi