Bitcoin Monete Tutorial Wallet Wallet Bitcoin

Guida all’uso di Electrum: wallet Bitcoin con Cold storage

Nella guida di oggi andremo a vedere come installare ed utilizzare Electrum, uno dei principali wallet Bitcoin alternativi che non necessità di una completa sincronizzazione della blockchain e che offre alcune interessanti feature, come il Cold Storage. Sarà quindi possibile creare un wallet offline sicuro e con una spesa minima, visto che vi servirà solamente una chiavetta USB ed un vecchio smartphone o PC che non usate più.

Il sistema quindi, potrebbe rivelarsi un’interessante alternativa economica agli hardware wallet principali, che abbiamo avuto modo di raccogliere in questo nostro articolo.

Electrum: un po’ di storia e dettagli

Electrum nasce nel novembre del 2011 come alternativa al wallet ufficiale di Bitcoin, che prevede una sincronizzazione completa della blockchain in locale sul proprio PC. Con il crescere della transazioni e l’aumentare dei blocchi, la blockchain di Bitcoin ad oggi ha una dimensione di circa 200 Gigabyte. Proprio questo motivo risulta essere praticamente insostenibile utilizzare il wallet ufficiale su PC poco capienti e su laptop.

Electrum evita il download di tutta la blockchain sfruttando un protocollo client-server per accedere alla blockchain archiviata su una rete di server ridondanti e distribuiti.

Electrum

Ma sono tante altre le feature offerte da Electrum. In primis, la crittografia del wallet vero e proprio. Quest’ultima, è accompagnata da una passphrase di sicurezza per il recupero dei Bitcoin nel caso in cui perdiate la chiave d’accesso. Inoltre, Electrum, oltre ad essere davvero veloce, offre anche la possibilità di esportare le chiavi private per poterle utilizzare in altri client wallet Bitcoin, senza quindi dover trasferire i fondi su un nuovo wallet.

Supporta inoltre il segwit e diversi plugin di terze parte, oltre all’opzione multi-signature, che consentirà di approvare transazioni attraverso più wallet. Infine, troviamo anche la funzionalità di Cold Storage usando un vecchio smartphone o PC. Ne parleremo più avanti nel corso della guida.

Primo passo: download e creazione wallet

ATTENZIONE: nel caso in cui vogliate creare un wallet da utilizzare per il Cold Storage dei vostri Bitcoin, dovrete utilizzare un vecchio computer o smartphone che non utilizzate più, in quanto tale device non dovrà più connettersi ad Internet. In questa guida ho utilizzato un RaspBerry Pi (33 euro) come sistema da tenere offline. 

Per prima cosa effettuiamo il download del file di installazione di Electrum. Lo trovate sul sito ufficiale: link al download.

Electrum

Selezionate la versione per il vostro sistema operativo, nel mio caso Linux. Se come me usate Linux, eseguite il comando da terminale ed avviate Electrum. La procedura dovrebbe essere simile o quasi per tutti i sistemi operativi.

Fatto ciò, disconnettetevi da internet. Nel caso vogliate creare un Cold Wallet, il dispositivo su cui andrete a creare il vostro wallet non dovrà più connettersi ad internet, ricordatevelo.

La procedura descritta nella guida è la medesima anche per chi vuole creare un normale wallet locale. In questo caso, non sarà necessario mantenere il sistema offline.

A questo punto, avviate il file scaricato.

Electrum

Al primo avvio, vi verrà richiesto come connettersi al server. Lasciate l’opzione “connessione automatica”.

Electrum

Create ora il wallet vero e proprio cliccando su Avanti.

Electrum

Ora scegliete la tipologia di wallet che volete creare, in questo caso io ho scelto la standard. Cliccate poi su Avanti.

Electrum

A questo punto, create un nuovo SEED. Se invece avete già un SEED, visto che avevate creato il wallet in passato, potete scegliere l’opzione relativa al riutilizzo del vecchio SEED ed accedere al vecchio wallet. Sono poi presenti altre opzioni, di cui l’ultima utilizzabile per interagire con il vostro hardware wallet.

Il SEED non va perso, in quanto sarà la chiave necessaria a recuperare i vostri fondi nel caso in cui il vostro PC si guasti o venga rubato. Vi consiglio di scriverlo su uno o più fogli offline, senza utilizzare stampanti o altri intermediari.

Cliccate poi su Avanti.

Electrum

 

Nella sezione dedicata al tipo di SEED, scegliete quelle che avete intenzione di usare. SegWift potrebbe non essere ancora supportato da tutti, perciò ho deciso di utilizzare la versione standard. Cliccate dunque su Avanti.

Electrum

Vi verrà creato un SEED. Annotatelo su qualche foglio di carta, così da mantenere la passphrase offline al sicuro. Cliccate poi avanti.

Electrum

Osa inserite la passphrase precedentemente annotata e confermatela.

Electrum

A questo punto vi verrà richiesto di creare una password per crittografare il wallet.

Electrum

Inseritene una con un buon livello di entropia. Vi consiglio almeno 10 caratteri, di cui una lettera maiuscola, qualche numero ed un carattere speciale. Confermatela e procedete. Lasciate attiva l’opzione per crittografare il portafoglio.

Electrum

A questo punto il wallet si avvierà. Ecco fatto!

Ora vi rimane un ultimo passaggio da fare nel caso in cui stiate creando un sistema di Cold Storage.

Electrum

Dirigetevi sul menu Portafogli e cliccate sulla voce Informazioni. Copiate la stringa di testo che vi apparirà in un file di testo e salvatelo su una chiavetta USB. Vi servirà per accedere al Wallet da un PC connesso alla rete.

Secondo passo: acceso dal PC in rete (solo Cold Storage)

A questo punto ripetete la procedura di download del wallet sul computer connesso alla rete per effettuare delle transazioni.

Una volta avviato, eseguite l’operazione per la creazione di un nuovo wallet, come visto in precedenza.

Selezionate la tipologia di wallet che avete usato sul PC offline e procedete.

A questo punto effettuate l’accesso utilizzando la chiave privata e procedete.

Inserite la stringa che avete salvato nel file di testo sulla vostra chiavetta USB. Cliccate poi su Avanti.

Electrum

Accederete dunque al Wallet ma vi verrà segnalato che potrete utilizzare il wallet Electrum solamente in lettura.

Terzo passo: ricevere Bitcoin

La ricezione di Bitcoin è possibile sfruttando anche la modalità in sola lettura del wallet. Vi basterà infatti recarvi sulla schermata Ricevi.

Electrum

Nella prima riga troverete l’indirizzo a cui mandare Bitcoin. Una volta mandati e passato il tempo necessario alla conferma, saranno visibili sul wallet nella cronologia e nel saldo. Ovviamente, essendo in sola lettura, non potrete firmare transazioni in uscita.

Quarto passo: inviare Bitcoin

A questo punto, se avete optato per la creazione di un wallet online generico, dunque senza Cold Storage, per inviare Bitcoin vi basterà dirigervi nella sezione Invia e inserire indirizzo del destinatario ed importo.

Electrum

Potrete anche selezionare il livello delle fee ma vi consiglio di lasciarlo al valore di default. Cliccate poi su Send/Invia.

Se invece avete optato per il sistema di Cold Storage, la transazione in uscita non potrà essere firmata e dunque non verrà trasmessa alla blockchain.

Vediamo ora come fare. Per prima cosa, una volta eseguita la transazione, andate su Dettagli e visualizzatene le informazioni.

Electrum

A questo punto, salvatela su una chiavetta USB premendo sul pulsante Salva/Save. Scollegatale dal PC online ed inserite la pendrive sul sistema Offline.

Electrum

Aprite quindi il wallet accedendo tramite la vostra password ed andate in strumenti. Quindi cliccate su carica transazione, da file e firmatela. Una volta firmata, salvate nuovamente la transazione sulla chiavetta USB e tornate sul vostro PC connesso alla rete.

A questo punto, dal wallet online caricate la transazione firmata e trasmettetela. I bitcoin verranno dunque inviati. Ecco fatto! In questo modo, il vostro sistema offline risulta essere inattaccabile e sicuro.

Tale procedura è consigliata solamente se avete importanti quantità di Bitcoin e se non volete comprare un hardware wallet classico. E’ un sistema molto sicuro a prova anche di eventuali KeyLogger installati sul PC in rete, in quanto qual ora riuscissero a scovare la vostra chiave, riuscirebbero ad accedere al wallet solamente in lettura.

Per questa guida è tutto, alla prossima!

sharing-caring

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.

[ VIA | VIA ]

Marco Picchi

Ingegnere nel settore delle telecomunicazioni, da anni appassionato di hardware, IoT e reti. Ho scoperto Bitcoin nel 2012 per poi buttarmi sul mining casalingo l'anno successivo. Ad oggi seguo con interesse lo sviluppo di tecnologia Blockchain ed eventuali applicazioni per il mondo dell'Internet of Things.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.