News

Walmart al lavoro sulla Blockchain per il suo sistema di consegne coi droni

La Walmart Stores Inc è una multinazionale statunitense, proprietaria dell’omonima catena di negozi al dettaglio Walmart. Per ci non lo sapesse è il più grande rivenditore al dettaglio nel mondo. Prima multinazionale nel 2010 per fatturato e numero di dipendenti. Nelle ultime ore è emerso che il gigante statunitense sta lavorando su una possibile implementazione della blockchain per rendere più intelligente il suo sistema di consegna dei pacchi.

La notizia non è un semplice rumour ma una realtà certa, infatti sul sito ufficiale dell’USPTO (U.S. Patent and Trademark Offic), l’organismo amministrativo incaricato di rilasciare i brevetti ed i marchi depositati negli Stati Uniti d’America, è stato pubblicato una sorta di brevetto depositato da Walmart.

Walmart al lavoro sulla Blockchain

walmart blockchain

I pacchi saranno smart, infatti sono stati definiti dall’azienda “smart package“.

Da quello che è emerso pare che l’idea di Walmart consista nel salvare sulla blockchain il contenuto di un pacco, le sue condizioni, la sua posizione, la temperatura del contenitore, etc… Walmart vuole quindi rivoluzionare il sistema di consegna dei pacchi. L’idea di Walmart consiste nel mettere insieme la tecnologia blockchain con altre tecnologie emergenti quali la guida autonoma dei veicoli (si legga droni). I dettagli ad oggi sono ancora pochi. Pare che la blockchain sarà criptata direttamente dentro il drone e mediante un sistema di chiavi (private key address) ogni utente potrà accedere solo alle informazioni riguardanti i propri ordini.

Con l’avvento di internet l’acquisto online è diventato pian piano realtà e sempre un maggior numero di utenti lo utilizza. Basti pensare ai numeri di colossi come Amazon o Alibaba. Acquisto online è anche sinonimo di consegna dei pacchi che deve essere veloce, precisa e puntuale. Secondo Walmart il meccanismo di consegna può essere migliorato ed è una sfida che il colosso intende vincere. Si pensi ad esempio al monitoraggio della consegna di prodotti alimentari che deperiscono nel tempo se non sono tenuti in frigorifero.

Partnership

L’anno scorso la compagnia ha ufficializzato diverse partnership, con Kroger, Nestle (e altre industrie del settore alimentare) con lo scopo di sviluppare insieme un sistema blockchain-based per migliorare la tracciabilità dei prodotti alimentari. L’obiettivo è fornire trasparenza e assoluta autenticità circa la provenienza e lo stato di conservazione dei prodotti.

Portando le cose agli estremi, sarebbe bello poter andare al supermercato e, ipotesi, scansionare un QR-code posto sulla scatola di un prodotto e accedere via internet alla storia del prodotto (dov’è stato prodotto, in che data, gli spostamenti subiti, etc).

 Per facilitarsi la vita Walmart ha stretto un’alleanza con IBM che metterà in campo i propri esperti di blockchain. Ne vedremo delle belle.

sharing-caring

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.

Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Seguo con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrivo anche di Linux su LFFL.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi