News

Ubisoft al lavoro sulla tecnologia blockchain per i videogames

Sicuramente conoscerete Ubisoft, una delle maggiore software house produttrice di videogames per le principali piattaforme. Nelle ultime ore, il direttore Lidwine Sauer del laboratorio di ricerca e sviluppo, ha dichiarato che il team sta studiando la tecnologia blockchain per eventuali implementazioni nel mondo del gaming. Pare che l’obbiettivo sia di analizzare come il mondo interagisce con questa tecnologia e dunque di sfruttarla per permettere ad Ubisoft di offrire nuovi servizi.

Ubisoft: una Blockchain per le chiavi dei videogames

Al momento non è ancora chiaro in che contesto Ubisoft potrebbe sfruttare la blockchain, ma vista l’unicità delle transazioni e dei “beni” digitali, che dunque non possono essere duplicati ma solamente trasferiti, potrebbero emergere importanti applicazioni. Uno fra tutti, ad esempio, riguarda le chiavi di attivazione dei videogames. Ad oggi infatti si riescono a falsificare per attivare illegalmente molti videogames.

Come dice Sauer, la prima applicazione della blockchain potrebbe avvenire proprio in questo contesto. Dunque le licenze dei videogames e DLC dovrebbero venire salvate su blockchain in maniera tale che possano essere utilizzate una sola volta. Ovviamente il sistema di verifica di tale chiave deve aver accesso alla blockchain per verificarne l’effettiva unicità. Potrebbe essere un’interessante soluzione alla pirateria del software. Vedremo come verrà sviluppata.

Applicazioni nei videogames

Un’altra applicazione a cui Ubisoft è interessata riguarda l’utilizzo per evoluzioni in tempo reale nei videogames. Sauer ha citato come esempio il videogames: Starlink: Battle for Atlas. Sfruttando la blockchain infatti, l’utente potrebbe creare la propria astronave ed inoltrarla ad essa. In questo modo dunque, essa continuerebbe ad evolversi e funzionare anche quando il videogiocatore non sta più giocando, garantendo una continuità del videogames in tempo reale, essendo la blockchain distribuita fra tutti gli utenti.

Ma sono tante altre le applicazioni possibili. Ovviamente andranno studiate con calma, ma le possibilità offerte da questa tecnologia sono molte. Insomma, sempre più aziende stanno cercando di sfruttare, studiare ed analizzare la blockchain per tante applicazioni pratiche. Farà il boom come internet alla fine degli anni novanta? Vedremo.

sharing-caring

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.

[ VIA ]

Marco Picchi

Ingegnere Elettronico, da anni appassionato di hardware, IoT e reti. Ho scoperto Bitcoin nel 2012 per poi buttarmi sul mining casalingo l'anno successivo. Ad oggi seguo con interesse lo sviluppo di tecnologia Blockchain.
Follow Me:

Related Posts

Rispondi